Ritratto di Rosa Maiuccaro
Autore Rosa Maiuccaro :: 3 Novembre 2014

La Good Films ha finalmente annunciato la data d’uscita di "Mommy". Dal 4 dicembre il pubblico italiano avrà finalmente l’opportunità di conoscere il regista Xavier Dolan, che a 25 anni è già acclamato come il più talentuoso dell'età contemporanea

una scena di "Mommy"

4 dicembre 2014. Segnatevi questa data e non prendete impegni perché al cinema uscirà Mommy, il nuovo film dell’enfant prodige canadese Xavier Dolan. Venticinque anni e un talento ineguagliabile. Dal suo primo lungometraggio del 2008 J’ai tué ma mère, basato su una sceneggiatura scritta a sedici anni, il mondo del cinema non fa che parlare di lui. L’anno scorso si era fatto notare a Venezia con quel Tom à la ferme clamorosamente snobbato dalle nostre case di distribuzione. In Mommy, suo quinto film, ha sprigionato tutto il suo talento: sue la regia, la sceneggiatura, la produzione, il montaggio e perfino i costumi. Il grande pubblico non potrà non accorgersi di lui.

[LEGGI ANCHE Il trailer di Mommy]

I francesi l’hanno premiato a Cannes dove si è aggiudicato il Premio della Giuria in ex-aequo con Adieu au langage di Jean Luc Godard. Strana coincidenza? Forse sì o forse no! “Il prodigio si è trasformato in fenomeno”, puntualizza Le Figaro. In Francia Mommy ha tenuto testa al box office nientemeno che a Gone Girl di David Fincher. Le copertine che gli hanno dedicato gli inossidabili Cahiers du Cinéma e Positif testimoniano un entusiasmo che non si vedeva da tempo. In America è già in odore di Oscar sbaragliando la concorrenza dei cari fratelli Dardenne e, a confronto, non sembra avere speranze neanche il “nostro” Capitale Umano.

[LEGGI ANCHE Cannes 2014: tutti prostrati ai piedi di Dolan]

Il regista originario del Québec sceglie le strade dei quartieri a lui più familiari per seguire con il suo occhio la strana coppia Diane/Steve. Una madre scombinata, un figlio ingestibile. Eccentrici e sboccati, contravvengono tutte le regole del bon ton e del cosiddetto viver civile. Dolan non conosce il senso della misura così come i protagonisti della sua storia ma si diverte con loro, partecipando alla loro generosa e disperata euforia. L’altra compagna di giochi è Kyle, la loro vicina di casa dislessica che viene affascinata dal loro amore viscerale e li accompagna in un triste viaggio di speranza.

Perdonate i frequenti ossimori nella descrizione ma Mommy è un film pieno di contraddizioni, le stesse che hanno reso grandi i film più famosi nell’immaginario collettivo. Un film da far tremare le vene e i polsi, un capolavoro della storia del cinema contemporaneo. Che dire dei due spumeggianti attori protagonisti Anne Dorval e Antoine Olivier Pilon? Semplicemente fantastici. Dulcis in fundo, Mommy ha una colonna sonora grandiosa che se da una parte è talmente pop da essere degna del sequel di Guardiani della Galassia, (Lana Del Rey, Oasis, Dido, Simple Plan) dall’altra si avvale della dolcezza delle note di Andrea Bocelli, Celine Dion, Craig Armstrong e Ludovico Einaudi. Insomma, tutti in piedi (o meglio in sala) per Xavier Dolan!

Categorie generali: 

Facebook Comments Box