Ritratto di Pierre Hombrebueno
Autore Pierre Hombrebueno :: 6 Gennaio 2015

Annie Proulx vorrebbe non aver mai scritto Brokeback Mountain, racconto che poi sarebbe stato trasformato da Ang Lee in un film di successo coi volti di Heath Ledger e Jake Gyllenhaal. Il motivo? "Troppe lamentele sul finale triste"

Brokeback Mountain

Brokeback Mountain è, in definitiva, la pellicola più importante di Ang Lee assieme a La tigre e il dragone. Presentato in anteprima mondiale alla Mostra del Cinema di Venezia del 2005, il film è poi stato insignito del Leone d'oro, per poi vincere 3 Oscar (tra cui Miglior Regia), 4 Golden Globes (tra cui Miglior Film) e tanti altri riconoscimenti importanti, senza contare le lodi di noti critici come quelli di Entertainment Weekly, Rolling Stone, USA Today, Hollywood Reporter, Premiere, Chicago Sun-Times, Wall Street Journal e altri ancora.

Eppure, se fosse per Annie Proulx, autrice del racconto da cui è stato tratto il film, la pellicola non esisterebbe proprio. Infatti, la scrittrice ha dichiarato in un'intervista a Paris Review di essersi pentita di aver narrato la storia di Ennis e Jack (interpretati da Heath Ledger e Jake Gyllenhaal nella trasposizione sul grande schermo). Il motivo? Le innumerevoli lettere che la Proulx ha ricevuto, contenenti lamentele sul finale della storia.

Avvia la prova gratuita su MUBI

Infatti, come ormai sappiamo, i due amanti protagonisti avranno una fine tutt'altra che happy, e questa cosa non dev'essere piaciuta a diversi fan della pellicola, tanto da incolpare la scrittrice. “Un sacco di uomini hanno deciso che la storia doveva finire in modo felice – dice la romanziera – Non riescono ad accettarne il finale, proprio non ci riescono. Così riscrivono la storia, includendoci tutti i tipi di fidanzati e nuovi amanti e così via dopo che Jack è stato ucciso. E questa cosa mi fa imbestialire”.

[Leggi anche: Il nuovo film di Ang Lee è una trasposizione di "È il tuo giorno, Billy Lynn!"]

L'autrice ha poi continuato spiegando che molte lamentele provengono da persone che non hanno capito la storia, che non è su Ennis e Jack, bensì “Sull'omofobia e una situazione sociale. È su un posto e una particolare mentalità e moralità”. La Proulx ha poi rivelato che le lamentele sono aumentate a dismisura solamente dopo l'uscita della trasposizione di Ang Lee, la quale ha raggiunto un più vasto numero di pubblico. “Vorrei non aver mai scritto la storia – ha detto – È diventata solo causa di battibecchi, problemi e irritazione da quando il film è uscito. Prima del film andava bene”. 

Annie Proulx su Brokeback Mountain

Categorie generali: 

Facebook Comments Box