Ritratto di Redazione
Autore Redazione :: 18 Gennaio 2018

Continua la storia legale tra Frank Darabont, il creatore della serie tv più famosa in questi anni, The Walking Dead, e la AMC, la rete televisiva via cavo che la produce e distribuisce

La locandina dell'ottava stagione di The Walking Dead

Frank Darabont attacca ancora la AMC. Le liti su The Walking Dead sembrano proprio infinite... E si tratta sempre di tanti milioni di dollari sui quali cadono richieste...

La sfida legale era iniziata nel 2013 dal momento della fuoriuscita di Darabont dai ricavati della serie che gli dovevano esser riconosciuti in veste di creatore. Le somme in gioco fanno rabbrividire: Darabont avrebbe chiesto 30 milioni ad episodio. Tanto per intenderci sono queste le cifre da capogiro. La AMC invece voleva scendere a 2,4 milioni! Povero Darabont!

Per farla breve i due avversari si sono incontrati a settembre scorso per rivedere il caso, anzi per riaprirne un altro. Si scopre che AMC avrebbe tenuto nascosto gran parte dei profitti generati da clienti come Apple per iTunes...

Nel frattempo seguono altri particolari economici amministrativi che solo i commercialisti possono seguire. E pure altri partecipanti ai profitti come lo stesso autore dei comics Robert Kirkman e poi anche Gale Anne Hurd e Glen Mazzara e David Alpert si svegliano reclamando i loro diritti.

Alla fine la questione però sembra ridursi a una conflittualità esasperata soltanto dagli studi legali che, come sappiamo, tendono in quel di Hollywood a generare conflitti ed anche processi laddove le cifre in gioco e quidi i loro onorari sono sempre con molti zeri...

Categorie generali: 

Facebook Comments Box