Ritratto di Redazione
Autore Redazione :: 27 Marzo 2017

Alessandro Alessandroni è mancato ieri a 92 anni. Il cinema perde uno dei compositori più famosi, indimenticabile per il suo fischio che accompagnava i western di Sergio Leoni e molti altri film

Alessandro Alessandroni

Ricordate Un sacco bello? Sì, anche lì Alessandro Alessandroni era presente con il suo fischio. Alessandroni era un incredibile musicista che aveva appreso l'arte della musica alla giovanissima età di 13 anni con la sua chitarra, che peraltro riesce a suonare da autodidatta.

Poi, dopo il conservatorio conosce Nino Rota e lavora per la casa di produzione Fonolux. Conosce anche Federico Fellini, che gli dà il soprannome di "fischio".

Naturalmente tutti lo ricordano con le musiche di Ennio Morricone per i western di Sergio Leone, come Per un pugno di dollari  e Per qualche dollaro in più.

Ma Alessandroni va ricordato per numerose colonne sonore a cominciare dalle prime come Vado l'ammazzo e torno...  e Quella sporca storia del west entrambi di Enzo G. Castellari. Si cimenta in qualsiasi genere, dalla commedia al thriller e perfino al porno esotico di Joe D'Amato (Porno Esotic Love). Lavora con altri registi italiani spesso considerati minori, ma di recente ormai tutti recuperati e ritornati in auge, non fosse altro che per Quentin Tarantino. Parliamo di autori come Antonio Margheriti, Giuliano Carnimeo, Bruno Mattei,  Michele Massimo Tarantini, Alfonso Brescia.

Lo ricordiamo con una bella intervista video  del 2010, nella quale rivela la sua profonda umanità, umiltà ed autenticità artistica.

Categorie generali: 

Facebook Comments Box