Ritratto di Marco Rovaris
Autore Marco Rovaris :: 9 Maggio 2014

A giugno sarà nei cinema la pellicola d'esordio di Massimo Piccolo, che sceglie una storia di amore e musica jazz e blues, contaminata da inquietanti fantasmi del passato. Produce la napoletana Moon Over

Antonio De Matteo protagonista di Assolo

Il 5 giugno uscirà nei cinema la prima regia di Massimo Piccolo, scrittore e uomo di teatro. Il suo esordio con Assolo intende scavare nella profondità dell'animo umano e nel peso dei ricordi che possono costringere la mente a vacillare in un oblio senza punti di riferimento. Amore e musica si intrecciano in un film d'autore che lavora molto con il flashback e con l'elaborazione della memoria attraverso diversi piani temporali, facendosi forza dell'atmosfera fumosa di New York.

Il protagonista è un musicista che si appresta a impugnare il sax per un importante concerto in quel di New York, quando una domanda postagli da un amico circa una donna lo manda in tilt, fuori luogo e fuori dal tempo. Da qui in poi l'intreccio si perde tra sogni e fantasmi di un passato confuso, che pone il protagonista davanti alla scelta di vivere la realtà o inseguire un ideale da sempre sfuggito di mano.

L'attore principale scelto da Piccolo è il promettente Antonio De Matteo, già visto in un paio di film di Bellocchio e in Ocean's Twelve. Claudio Passilongo ha realizzato le musiche originali, che spaziano dal jazz al blues attraverso contaminazioni e sonorità svariate. La giovanissima casa di produzione napoletana Moon Over produce il film, che è distribuito da Explorer Entertainment. Il 26 maggio a Roma la proiezione stampa alle 18.

Categorie generali: 

Facebook Comments Box