Ritratto di Pierre Hombrebueno
Autore Pierre Hombrebueno :: 3 Gennaio 2015

Uscirà a Febbraio "Vizio di forma", nuova pellicola di Paul Thomas Anderson e sua prima trasposizione di un'opera di Thomas Pynchon. In un'intervista rilasciata a The Guardian, il cineasta spiega il suo rapporto col romanzo e lo scrittore

Paul Thomas Anderson

Il suo nuovo film, Vizio di forma, è in assoluto uno dei titoli che i cinefili attendono di più in questa stagione. Stiamo ovviamente parlando di Paul Thomas Anderson, per molti uno dei migliori registi viventi, merito di pellicole come Magnolia, Boogie Nights o Il petroliere. Tratto da un racconto di Thomas Pynchon, Vizio di forma racconterà di un investigatore interpretato da Joaquin Phoenix, il quale è alla ricerca della sua fidanzata misteriosamente scomparsa durante la Los Angeles degli anni '70. Oltre all'attore di The Master, il cast comprende volti rinomati come quelli di Josh Brolin, Owen Wilson, Reese Witherspoon, Benicio Del Toro e diversi altri.

“Sono un fan gigantesco di Pynchon – ha svelato l'autore in un'intervista al quotidiano inglese The Guardian – e da molto avevo quest'idea in mente di girare Vineland o Mason & Dixon (ndr: altre opere di Pynchon, ben più complesse e stratificate). Ma sarebbero stati compiti impossibili. Invece Vizio di forma era possibile, e sembrava perfetto per incapsulare diverse cose di cui Pynchon ha parlato nel corso di diversi anni in diversi libri. È il terzo libro che ha scritto sulla California. Ha della grande paranoia, il che è una caratteristica che devi avere se stai facendo un libro di Pynchon. Ma più di ogni cosa, sembra essere il modo di indirizzare quel qualcosa di prevalente in tutti i suoi libri; quello spirito bizzarro, l'umorismo, la nostalgia – quella sorta di dolce colante soffrire per il passato”.

Avvia la prova gratuita su MUBI

Insomma, Anderson sembrerebbe proprio esaltato del suo ultimo lavoro. E come potrebbe non esserlo? Immaginatevi voi a dirigere un romanzo tratto da uno dei vostri scrittori preferiti! Continua il cineasta: “Fare Vizio di forma è stato come ricevere le chiavi della macchina di tuo padre. 'Hey ragazzo, non romperla o sputtanarla!'. Quindi ho solo appoggiato il romanzo, l'ho aperto, e in pratica ho iniziato a strappare i dialoghi. Del tipo 'Ok, questo è il nome del personaggio, e questo è ciò che dice'. È così che fanno gli sceneggiatori bravi! È diventata la mia tecnica per trovare la strada tra i tentacoli del romanzo”.

[Leggi anche: Lezione di cinema con Paul Thomas Anderson]

Ricordiamo che Vizio di forma uscirà nelle sale italiane il 26 Febbraio, forte di recensioni positive da parte di importanti pubblicazioni come Variety, The Telegraph, HitFix, indieWIRE e Time Out New York. Inoltre, il film ha una candidatura ai Golden Globe, quella come Miglior Attore in una Commedia o Musical per Joaquin Phoenix. 

Categorie generali: 

Facebook Comments Box