Ritratto di Pierre Hombrebueno
Autore Pierre Hombrebueno :: 31 Ottobre 2014

L'ex diva del porno Sasha Grey è ospite d'eccezione al Festival Science+Fiction di Trieste come protagonista e delegata di "Open Windows", nuovo thriller di Nacho Vigalondo in cui affianca niente di meno che Elijah Wood

Sasha Grey

Se ci fosse una personalità perennemente in tendenza nel mondo hipster, quella sarebbe senz'altro Sasha Grey, pseudonimo di Marina Ann Hantzis, ex diva del porno diventata poi attrice a tutto campo, tanto da essere stata scelta da Steven Soderbergh come sua musa in The Girlfriend Experience, pellicola incentrata sulla vita di una escort d'alto bordo, tra gelosia e malinconia. Ma Sasha ha fatto anche altro: oltre ad un tour mondiale come dj, ha scritto il romanzo The Juliette Society, senza contare la sua attività come fotografa e trendsetter sui social network. Insomma, un'artista tuttofare, di quelle con cui puoi discutere appassionatamente di Godard e La grande bellezza (che giura di aver visto più volte), di arte concettuale e letteratura underground.

[Leggi anche: The Girlfriend Experience di Soderbergh diventa una serie tv]

In questi giorni, il fenomeno Grey è ospite d'eccezione al Festival Science+Fiction di Trieste come delegata di Open Windows, nuova opera di Nacho Vigalondo in cui affianca niente di meno che Elijah Wood, che da quando ha lasciato la Terra di Mezzo si è riscoperto amante della suspense e dei film ad alto dosaggio d'adrenalina. Avendolo visto in anteprima, possiamo dirvi che è senz'altro un prodotto che desta interesse e curiosità, essendo tutto girato tramite soggettive di web-cam e telecamere, dove lo schermo si scompone perennemente in tanti quadrati come in un videochat di stampo thriller. La Grey interpreta infatti una famosa attrice perseguitata da un maniaco: a tentare di salvarla, un suo fan che dovrà cercare di orientarsi nel delirio lottando contro il tempo e il misterioso nemico senza volto. Eppure, per quanto l'operazione possa essere intrigante, forse avrebbe trovato il suo contenitore più idoneo in un mediometraggio, dato che 100 minuti sono decisamente troppi per un'opera che basa tutta la sua esistenza in un unico espediente formale che si rivela già nelle prime scene.

[Leggi anche: In arrivo Trieste Science+Fiction Festival: ospiti Jodorowsky e Sasha Grey]

L'attrice ha dichiarato di essere sempre stata una fan di Vigalondo, e in particolare del suo precedente film, Timecrimes. Così, una volta avuta la notizia che il regista aveva terminato una nuova sceneggiatura, Sasha ha fatto di tutto per poterne avere una copia. E fu ovviamente amore a prima vista, tanto da essere ingaggiata come protagonista. Dopo il tour promozionale per Open Windows, la Grey vuole prendersi un momento di pausa, in modo da ricaricare le proprie batterie prima di mettersi nuovamente in cerca del prossimo ruolo, magari in una serie tv. Noi, suoi umili fan, attendiamo con trepidazione.  

Categorie generali: 

Facebook Comments Box