Ritratto di Redazione
Autore Redazione :: 30 Maggio 2020

Spike Lee, tra affermazioni e comportamenti non sembra averci capito molto, così i media mainstream lo sfruttano per diffondere le sue affermazioni che confermano la narrazione del pensiero unico e sono naturalmente a favore del vaccino

Spike Lee

Alcuni personaggi di Hollywood purtroppo non hanno dato il meglio di loro stessi in questa triste vicenda della falsa pandemia. Falsa perché i numeri sono stati gonfiati all'infinito e perché le misure di sicurezza sono più l'attuazione di uno Stato di Polizia invece che misure di carattere sanitario per affrontare la diffusione di presunti virus che non sono così pericolosi.

Spike Lee, tra affermazioni e comportamenti non sembra averci capito molto, così i media mainstream lo sfruttano per diffondere le sue affermazioni che confermano la narrazione del pensiero unico e sono naturalmente a favore del vaccino.

Spike Lee ha parlato prima alla fine di aprile contro la riapertura dei cinema in mezzo alla pandemia di coronavirus, ora il vincitore dell'Oscar ha detto a Vanity Fair che molto probabilmente non andrà al cinema fino a quando non verrà distribuito un vaccino per il virus (Bene... !). Lee sta per lanciare il suo nuovo film, il dramma della guerra del Vietnam "Da 5 Bloods", su Netflix il 12 giugno.

Il regista avrebbe dovuto iniziare la produzione quest'estate con un adattamento del romanzo grafico "Prince of Cats" per Legendary Pictures, ma Lee ha detto sempre a Vanity Fair che non pensa di veder riprendere le riprese di nessuna produzione hollywoodiana tanto presto al momento.

"Non stanno facendo nulla fino alla somministrazione di un vaccino", ha detto Lee. "So che non andrò al cinema. So che non andrò a uno spettacolo di Broadway. So che non andrò allo Yankee Stadium. Il coronavirus è una cagna. il coronavirus non sta giocando. Fottiti se devi andare in giro per essere ucciso, morirai. Non sono pronto per andare". 
Davvero catastrofista Lee! Ottima propaganda del triste slogan "Stayathome" ("Resta a casa").

Il nostro poi non poteva che regalarci altre perle con riflessioni inutili su come gestire le riprese che riguardano scene più intime tra i personaggi...

Lee "bisogna trovare una soluzione fattibile su come rendere le produzioni abbastanza sicure da riprendere le riprese". Ed ha aggiunto: “Come si può girare più una scena d'amore o una scena intima? Voglio dire, hai intenzione di fare un film da remoto, come "Saturday Night Live"? 

Forse Lee non si è reso conto che l'età media di quelli che sono morti per il coronavirus è intorno agli 80 anni... pensa di girare un coito tra ottantenni?

La produzione di "Prince of Cats" doveva iniziare quest'estate a Brooklyn, ma Lee ha affermato che non accenderà le telecamere così in fretta. Lee si riferisce al suo prossimo film come "Romeo e Giulietta durante l'età dell'hip-hop". Il regista doveva ricoprire il ruolo di presidente della giuria del concorso al Festival di Cannes del 2020 prima che l'evento fosse annullato. 

Lee comunque dovrebbe assumere la stessa posizione per l'edizione del festival del 2021, anche se sembra che Lee viaggerà soltanto dopo che sarà rilasciato un vaccino... (ahridaglie!)

La resistenza di Lee all'andare al cinema nel bel mezzo della pandemia è condivisa dagli spettatori di tutto il paese (Evviva!). Un sondaggio Reuters pubblicato da Variety alla fine di aprile ha esaminato 4.429 adulti americani e ha scoperto che solo il 40% di loro era disposto ad andare al cinema e / o ai concerti. I cinema nei principali mercati come Los Angeles e New York devono ancora annunciare le date di riapertura.

Spike Lee ha anche girato un corto sul lockdown a New York, pubblicato sul suo account instagram

Categorie generali: 

Facebook Comments Box

Video Dominion