Ritratto di Marco Rovaris
Autore Marco Rovaris :: 11 Ottobre 2014

Il regista italiano punta ad "alzare" 250.000 dollari su Indiegogo per poter finanziare il suo prossimo film "The Sandman", che avrà come protagonista il rocker Iggy Pop. Il cantante è entusiasta, ma spera al contempo di non scavarsi la fossa da solo

Iggy Pop

Dario argento ha deciso di giocare la carta del crowdfunding per finanziare il suo nuovo progetto The Sandman, che avrà il mai domo Iggy Pop nella parte del protagonista. Non si sa tantissimo della trama del film, né se il titolo faccia riferimento al mito indimenticato del Mago Sabbiolino/Uomo della Sabbia che la letteratura ha variamente ripreso e che trova il suo vertice, probabilmente, nel racconto di E. T. A. Hoffmann.

Il film è una co-produzione tedesco-canadese con a capo Daniela Tully, Jeff Rogers e Rob Heydon, che puntano a raggranellare 250.000 dollari sul sito Indiegogo. Come d'abitudine, (se) portata a termine la raccolta fondi, i finanziatori riceveranno vari ringraziamenti a seconda della cifra versata: Dario Argento e la star del rock possono scrivere lettere dedicate, accogliere i donatori sul set o permettere, addirittura, di prendere parte al film in un cameo.

La sceneggiatura di Daniela Tully è un thriller contemporaneo che trae ispirazione e radici dalle leggende mitiche intorno alla Foresta Nera. Iggy Pop interpreterà un serial killer: e come potrebbe essere diversamente viste le sue inquietanti fattezze? Argento ha dichiarato a proposito dello script: "Mi sono emozionato nel leggere la sceneggiatura perché mi sono subito reso conto che era scritta proprio per me. Sono felicissimo di poter, per la prima volta nella mia carriera, coinvolgere i miei fan dall'inizio e concedere loro un ruolo decisivo nel mio prossimo lavoro. E lavorare con Iggy Pop è fantastico!”.

[Leggi anche: Locarno 2014, gli "incubi" di Dario Argento]

Il buon vecchio Iggy, a sua volta grande ammiratore del maestro dell'horror italiano, ha confessato che “avere la possibilità di interpretare Sandman renderebbe completa la mia vita”, prima di precisare malinconicamente: “Spero di non aver appena firmato definitivamente il mio epitaffio”. Pop ha evidentemente paura che l'esperienza possa trasformarsi nella pietra tombale della sua carriera; pensiero legittimo viste le ultime prove di Argento dietro la macchina da presa, non all'altezza della sua fama.

[Ti può interessare: Iggy Pop - Vita e arte di un mito trasgressivo]

Claudio Simonetti, compositore affiliato ad Argento da decenni, scriverà la colonna sonora e Way She Moves, interpretata da Scott Weiland and the Wildabouts, è già il pezzo prescelto per gli open credits.

Categorie generali: 

Facebook Comments Box