Ritratto di Erika Favaro
Autore Erika Favaro :: 19 Gennaio 2016

Uscirà il 25 gennaio distribuito da Eagles Picture il nuovo film di William Brent Bell

The Boy

Si sa, la ripetizione è una di quelle caratteristiche su cui si basano gli elementi narrativi che caratterizzano i generi letterari e cinematografici. Ma è altrettanto vero che sono l’originalità e lo stile con cui si sanno maneggiare questi elementi che vanno a creare nuove opere degne di questo nome.

Il trailer non è assolutamente abbastanza per poter giudicare un film, ma certo è che in The Boy, horror che uscirà al cinema il 25 febbraio distribuito dalla Eagles Pictures, i topoi del genere ci sono tutti.

C’è una grande villa grigia in cui abitano due anziani dai modi misteriosi, una giovane baby sitter che si deve prendere cura del loro figlioletto che però si rivela essere una bambola con le fattezze di un bambino a dir poco inquietante. E di bambole assassine ormai il cinema ne ha conosciute molte, hanno gli occhi solo apparentemente spenti e non appena possono si trasformano in creature possedute.

The Boy è il quinto lungometraggio di William Brent Bell, regista che in passato ha lavorato a Stay Alive (2006) e a L’altra faccia del diavolo (2012). Ad interpretare l’ingenua baby sitter c’è, per la prima volta sul grande schermo, Lauren Cohan, attrice che ha già lavorato in serie tv come The Walking DeadSupernatural e The Vampire Diaries. Nel cast c’è anche Rupert Evans (HellboyMondo senza fine) nei panni di Malcolm, un ragazzo del villaggio con cui la protagonista avrà una relazione.

[Leggi anche: Come fare un buon film horror: 5 cose da sapere]

Nonostante i cliché narrativi che si possono intuire dal trailer è certo che The Boy è un film molto atteso e ad attestarlo ci sono cinque milioni di visualizzazioni registrate su Youtube. Il piccolo Brahams ha dettato le sue regole, il perché poi in queste ville vittoriane tutti i pavimenti scricchiolino e perché tutti i protagonisti decidano di  andare a vedere cosa succede in polverose soffitte abbandonate fa solo parte del gioco.

Tag: 

Categorie generali: 

Facebook Comments Box