Ritratto di Pierre Hombrebueno
Autore Pierre Hombrebueno :: 22 Agosto 2014

Sono almeno 10 anni che la Disney sta pianificando il remake di "20.000 leghe sotto i mari". Ora, dopo vari forfait e tentativi falliti, voci di corridoio sostengono che il progetto è tutt'altro che caduto nel dimenticatoio, anzi...

Un remake targato Disney per 20.000 leghe sotto i mari?

Era nell’aria da ben dieci anni, ma solo adesso sembrano esserci alcune possibilità di concretizzarsi per il progetto della Walt Disney di realizzare il remake di 20.000 leghe sotto i mari di Richard Fleischer (1954), tratto dal romanzo di Jules Verne e prima pellicola Disney in Cinemascope. Finora, l’idea ha avuto una lunga e improduttiva gestazione: inizialmente sotto la lente di McG (che voleva Will Smith nel ruolo del Capitano Nemo), è poi passata nelle mani di un maestro come David Fincher, ma la produzione da lui sviluppata richiedeva un budget consistente, e la major puntava a una stella di prima grandezza per il ruolo principale. Si sono succeduti i forfait di Matt Damon, Brad Pitt (già impegnato sul set di Fury) e perfino, si mormora, dell’ormai richiestissimo Channing Tatum. Infine, ha ceduto anche il potenziale regista: lo scorso anno Fincher ha infatti deciso di concentrarsi sul thriller Gone Girl – L’amore bugiardo.

Eppure, il remake del film con Kirk Douglas e Peter Lorre non è finito nel dimenticatoio: freschi rumors hanno diffuso la notizia che la Disney sarebbe in trattative con il governo australiano per un incentivo fiscale, il quale gli darebbe la possibilità di riaprire la preproduzione di 20.000 leghe. Altre notizie, però, sostengono che in realtà la richiesta non riguarderebbe il rifacimento del celebre cult fantascientifico, bensì il quinto capitolo del franchise dei Pirati dei Caraibi. Insomma, le voci di corrodoio si contraddicono fra di loro, e solo il tempo saprà dirci le reali intenzioni della casa di Topolino; intanto, l’Hollywood Reporter parla della produzione più colossale per un film girato in Australia, e i negoziati economici tra la Disney e l’Australia sarebbero partiti già anni fa, mentre Fincher stava ancora sviluppando il progetto. Quindi, avremo il Nautilus o il ritorno di Jack Sparrow? Nessuna certezza.

Nel frattempo, ricordiamo che l'autore di Social Network è attesissimo al Festival di New York con Gone Girl – L’amore bugiardo, che vede protagonisti Ben Affleck e Rosamund Pike in una storia cupa di passione e morte; dal canto suo, la Disney, dopo il successone di Maleficent, si prepara a invadere i cinema con la pellicola d’animazione Big Hero 6  e con il musical fantasy Into the Woods di Rob Marshall, con Meryl Streep, Anna Kendrick, Johnny Depp ed Emily Blunt.

Categorie generali: 

Facebook Comments Box