Ritratto di Rita Andreetti
Autore Rita Andreetti :: 7 Settembre 2015

Diamo un’occhiata alle prime visioni che hanno fatto più gola ai distributori e si sono conquistate i primi contratti di acquisto a Venezia e al Telluride

Pare che Wim Wenders abbia già garantito le sale in terra americana alla sua ultima produzione, Ritorno alla vita, grazie ad un’eccellente anteprima al Toronto Film Festival. Il 4 dicembre IFC distribuirà la pellicola interpretata da James Franco, che aveva esordito quest’anno al Festival di Berlino.

Il mercato di Toronto è un appuntamento essenziale per i distributori americani, al punto che i mesi di settembre tra la Mostra del Cinema di Venezia, l’appena citato festival canadese e l’altro appuntamento del Telluride Film Festival in Colorado, sono un po’ la primavera dei distributori che firmano contratti per garantire il 2016 agli spettatori.

Tanto per intenderci, nella stessa prestigiosa sede festivaliera di Toronto, la medesima IFC si porta a casa, tra gli altri, sia il vincitore della Palma d’Oro Dheepan (di Jacques Audiard), sia il film memorabile della sezione Un certain regard, Comoara di Corneliu Porumboiu; accanto all’Orso d’Argento all’interpretazione femminile Charlotte Rampling (45 years di Andrew Haigh).

Insomma è tempo di grasse scorpacciate per gli acquirenti.

Abramaroma conquista poi due documentari, il primo firmato da Laurie Anderson, in questi giorni a Venezia dopo la premiere in Colorado: Heart of a dog. La Anderson crea una storia decisamente personale coinvolgendo tutta la sua multiforme abilità di artista, associando sia filmati d’archivio in 8 mm, che animazione e riprese attuali per narrare una storia di amore e morte. Il secondo prodotto invece, è This change everything di Avi Lewis: un imponente progetto girato in oltre 200 giorni nell’arco di quattro anni, su cinque continenti e nove paesi, che racconta la necessità di fronteggiare la questione climatica quale unica e sola alternativa.

[Ti può interessare: Recensione di Marguerite | Il ridicolo è sublime e l'opera lirica stonata affascina Venezia]

In ultimo, l’applaudita Marguerite di Xavier Giannoli, proprio in questi giorni in Concorso a Venezia, ha stretto alleanza con Cohen Media Group per la prossima distribuzione. Il divertente film racconta di una cantante lirica con una evidente mancanza di talento, interpretata dalla travolgente Catherine Frot.

Altri aggiornamenti in arrivo prossimamente.

Categorie generali: 

Facebook Comments Box