Ritratto di Annamaria Scali
Autore Annamaria Scali :: 9 Dicembre 2014
Locandina di Storie pazzesche

Recensione di Storie pazzesche: attacchi sanguinolenti, azioni esplosive e adrenalinici punti di rottura, con la sua commedia pulp Damián Szifrón porta le nostre frustrazioni all’esasperazione comica; in concorso a Cannes 2014

Se volete avere una vita tranquilla Damián Szifrón suggerisce: non offendete il prossimo, non fatevi corrompere, non guidate in stato di ebbrezza e soprattutto, non rovinate mai e poi mai il matrimonio di una donna. Al suo terzo lavoro il regista argentino (inedito nelle sale italiane) fa tesoro di un particolare periodo di sconforto per regalarci un incandescente e lungimirante promemoria: non dimenticare mai quanto le cattive azioni possano ritorcersi contro (a tal proposito appuntatevi il nome Gabriel Pasternak).

Avvia la prova gratuita su MUBI

Sei racconti per sei personaggi in cerca di riscatto, presentati a Cannes 2014 e accomunati da rabbia latente, la cui ultima goccia trabocca in uno scatenato e “furiosissimo sdegno” (direbbe il Samuel L. Jackson tarantiniano). Szifrón prende per mano la commedia mentre strizza l’occhio al cinema pulp, elargendo attacchi sanguinolenti, azioni esplosive e adrenalinici punti di rottura. Storie Selvagge (nella traduzione fedele all’originale) è il frutto della violenza catartica che tracima dai confini delle fantasie più remote, per affacciarsi sull’innegabile piacere di perdere il controllo.

[Leggi anche: Storie pazzesche in arrivo nelle nostre sale]

Non è semplicistica pazzia come il titolo italiano vuole farci credere (ignorando in un colpo solo sia i caratteristici e animaleschi titoli di testa, sia lo spirito che governa il film), piuttosto è il primitivo istinto di sopravvivenza. Sfrenato all’ennesima potenza, a metà strada tra Un giorno di ordinaria follia e Sei gradi di separazione, prodotto in chiave disfunzionale, comica, farsesca e pur totalmente tragica. Quasi fosse il naturale ciclo darwiniano trasformato dalla società: l’adattamento muta oggi in vendetta e gli animali in gabbia incompresi, ingannati o frustrati siamo noi, che rispondiamo alle minacce dell’ambiente con un sovraeccitato e illogico livore. Da omicidi imprevisti, crimini passionali, trattative milionarie fuori controllo, fino all’isterica allegria psicopatica di una sposa.

Eppure quello del regista non è un esercito (né esercizio) di killer, i suoi barbari personaggi semmai sono delusi o costernati, preoccupati o umiliati, stanchi, intimoriti, vigliacchi o troppo ricchi. Umani a nervi scoperti, autolesivi per amore e ribelli per dolore, tutti però coinvolti in una progressiva e viscerale esasperazione. Szifrón resta perlopiù in superficie, si diverte e ci diverte, mostrando nella sua ascesa di bizzarre congiunzioni astrali il lato catastrofico e indomabile di noi stessi. Certo non mancano le riserve, la sensazione che tutto accada troppo velocemente, ma camminiamo sul filo della (in)civiltà, realistica a sufficienza per farci venire il magone e grottesca quanto basta per farcelo passare. Presenta Pedro Almodóvar e alle musiche del premio Oscar Gustavo Santaolalla (I segreti di Brokeback Mountain) si aggiungono note di lirica, momenti dance e pezzi di malinconia (su tutti Ricardo Darín).

Trailer di Storie pazzesche

Voto della redazione: 

3

Facebook Comments Box