Ritratto di Marco Rovaris
Autore Marco Rovaris :: 8 Settembre 2014

A inizio 2015 dovrebbe essere disponibile l'upgrade che permetterà al software di Alexa, la camera prodotta da ARRI, di supportare l'Ultra HD per la televisione. Alexa è al momento una delle prime camere usate nella cinematografia digitale

ARRI Alexa

La camera Alexa di ARRI è una delle più utilizzate in assoluto nella cinematografia digitale odierna, sia per il grande sia per il piccolo schermo. Inoltre il modello è uno dei pochi a non supportare ancora una risoluzione 4K, malgrado ARRI stia facendo progressi in questa direzione grazie all'annuncio dell'update di un nuovo software che permetta di arrivare all'Ultra HD per la televisione.

La compagnia ha dichiarato che non avrebbe realizzato una camera 4K fino a quando non fosse stato chiaro che il passo non avrebbe compromesso le altre capacità della camera stessa. Tra queste è da ricordare l'ampia gamma dinamica, che ha affascinato direttori della fotografia di un certo livello come Emmanuel "Chivo" Lubezki, che l'ha utilizzata per Birdman, e Roger Deakins, che l'ha scelta per Unbroken. Alexa è ampiamente sfruttata anche per le produzioni televisive tra le quali Downton Abbey, Game of Thrones, Elementary e Girls.

Martedì ARRI ha annunciato lo sviluppo di ProRes 3.2K, una nuova opzione di registrazione per Alexa volta a supportare il formato Ultra HD per la televisione (3840 x 2160). Questa utilizza un upsampling in fase di post-produzione, come fa l'opzione Arriraw Open Gate interpolando i 3.4K per creare i 4K che servono nei cinema (4096 x 2160). Prossime produzioni che fanno uso dell'opzione Open Gate includono Warcraft e San Andreas. I modelli Alexa XT e Alexa Classic con il modulo XR supporteranno ProRes 3.2K con un upgrade del software che dovrebbe essere disponibile a inizio 2015.

Categorie generali: 

Facebook Comments Box