Ritratto di Marco Rovaris
Autore Marco Rovaris :: 7 Febbraio 2015

Il Festival di Berlino - per celebrare il sessantesimo anno dell'Orso d'Oro per i cortometraggi - renderà disponibili per l'audience mondiale alcuni dei film più celebri della sua storia attraverso il servizio di video-on-demand fornito da MUBI

MUBI

MUBI, piattaforma dedita all'attività di video-on-demand, nota comunemente come VOD, ha stretto una collaborazione con il Festival di Berlino. Per celebrare il sessantesimo anniversario dell'Orso d'Oro per i cortometraggi, il servizio di video-on-demand farà in modo che i corti vincitori al festival siano disponibili online per l'audience di tutto il mondo. Si tratta della prima collaborazione tra i due enti.

Avvia la prova gratuita su MUBI

Disponibile durante i giorni del festival, il servizio esclusivo include il vincitore dell'Orso d'Oro dello scorso anno As Long As Shotguns Remain di Jonathan Vinel & Caroline Poggi, l'Orso d'Argento dei Duplass Brothers del 2005 The Intervention, The Runaway, Orso d'Oro di Jean-Bernard Marlin del 2013 e l'Orso d'Oro del 2003 (A) Torsion di Stefan Arsenijević.

Efe Cakarel, fondatore e CEO di MUBI, ha commentato: "Siamo incredibilmente entusiasti di collaborare con Berlinale per il sessantesimo anniversario della sua attività a fianco del lavoro di artisti visionari e di valore che prima non erano tanto stimati, cioè quelli dei cortometraggi, e noi crediamo che partnership come questa siano il modo perfetto attraverso il quale festival di alta qualità possano raggiungere gli amanti dei film in tutto il mondo".

[Leggi anche: Il futuro del cinema dipende dal VOD (video on demand)?]

"Abbiamo celebrato e premiato l'eccellenza nei cortometraggi negli ultimi 60 anni e la collaborazione con MUBI in una maniera così innovativa ed esclusiva è un modo fantastico per onorare la nostra eredità artistica, assicurando che alcuni dei migliori cortometraggi passati per il nostro festival possano essere visti e goduti da qualsiasi pubblico, on-demand, ovunque essi si trovino", così ha detto Maike Mia Höhne, che cura i corti di Berlinale.

Così Efe Cakarel racconta il concepimento della sua creatura: "Mubi è una piattaforma on line di video on demand e un social network dedicato al grande cinema. L’idea arrivò nel 2007, mentre mi trovavo in un café a Tokio. Volevo guardare un film, In the Mood for Love di Wong Kar-wai, sul mio computer portatile. Fui sorpreso non solo dal non poter guardare quel film online, ma anche dal fatto che difficilmente altri grandi film fossero disponibili. Mubi nacque in quell’istante: una cineteca globale online".

Categorie generali: 

Facebook Comments Box