ABBONATI AL CANALE DI INFORMAZIONE LIBERA DI MORRIS SAN

Ritratto di Redazione
Autore Redazione :: 1 Marzo 2021

La pandemia globale di covid19 ha avuto un enorme impatto sui festival cinematografici di tutto il mondo. Ci sono motivi per essere comunque ottimisti?

Il Berlinale Palast sede del prestigioso festival

In qualsiasi altro anno, la prima notte del festival del cinema di Berlino vedrebbe folle ammassarsi nel Berlinale Palast, il cinema gigante al largo di Potsdamer Platz che funge da hub principale del festival. Ma come ogni altro festival cinematografico, Berlino è stata costretta a ripensare completamente se stessa sulla scia della pandemia di coronavirus.

I principali festival hanno adottato approcci diversi. Sundance e Toronto hanno deciso di spostare la maggior parte delle loro attività online, anche se con limitate proiezioni "di persona", mettendo in scena anteprime ed eventi digitali. Cannes, con il suo impegno per l'esperienza cinematografica, ha deciso di annullare piuttosto che trasmettere in streaming i suoi film e ha spostato la sua prossima edizione in una fascia oraria estiva più adatta al pubblico. Berlino ha scelto una via di mezzo: questa settimana vede un evento “virtuale” per stampa e rappresentanti dell'industria, con proiezioni digitali dei suoi film selezionati, seguito da un evento “fisico” a giugno, restrizioni Covid permettendo.

Gli organizzatori sono stati costretti a perdere il brusio e l'entusiasmo che è una parte fondamentale dell'esperienza del festival dal vivo. Carlo Chatrian, direttore artistico della Berlinale, afferma che la decisione di dividere il festival in un evento stampa / industria e uno pubblico è dovuto al suo legame con il pubblico locale. "Siamo così strettamente legati al luogo in cui si trova il pubblico che abbiamo ritenuto che l'opzione migliore fosse chiedere loro di aspettare un po' per beneficiare di un evento in presenza". Ha aggiunto che uno degli obiettivi principali del festival è supportare i cinema di Berlino e in tutta la Germania.

Quindi cosa può aspettarsi Chatrian da un festival virtuale? Se l'esperienza del Sundance nel 2021 è qualcosa su cui basarsi, le proiezioni digitali possono aumentare significativamente il numero di spettatori. 

Il Sundance ha registrato più di due volte e mezzo gli spettatori, rispetto al formato cinematografico dell'anno precedente. Nasce dal festival del cinema di Glasgow , attualmente nel pieno della sua corsa, che ha deciso di optare anche per un formato virtuale. Allison Gardner, CEO del festival, afferma che "l'acquisto dei biglietti ha finora superato le nostre aspettative", con il festival che ha più che raddoppiato il pubblico per il suo film di apertura, il dramma coreano-americano Minari, vendendo oltre 1.400 biglietti per un evento che normalmente sarebbe proiettato in un cinema da 600 posti.

Le proiezioni virtuali presentano le loro difficoltà, tuttavia: i film sono geobloccati nel Regno Unito per evitare scontri con i distributori esteri e il numero di spettatori è limitato per evitare la sovraesposizione dei singoli titoli. "Altrimenti non sarebbe giusto nei confronti dei registi", afferma Gardner.

Come Berlino, Glasgow si impegna a raggiungere un vasto pubblico: Gardner afferma: “Abbiamo molte proiezioni gratuite perché stiamo cercando di abbattere le barriere, e lavoriamo anche con i giovani, abbiamo molto impegno da parte della comunità. È molto, molto difficile da replicare online".

Rich Cline, presidente del London Critics 'Circle, concorda sul fatto che i festival virtuali non hanno tutte le risposte. “Ci sono alcuni vantaggi evidenti”, dice, “che danno ai film e al festival stesso una base di copertura molto più ampia. D'altra parte, guardare questi film a casa, anche su un grande schermo televisivo, non è semplicemente il modo migliore per viverli. Il sacrificio più grande è il brivido comune della reazione di un pubblico dal vivo nel vedere qualcosa di inaspettato per la prima volta ".

Aggiunge: "Anche dopo la revoca delle restrizioni pandemiche, da ora in poi potrebbe essere un'esperienza persa per sempre o limitata a pochi fortunati".

Una via da seguire per il festival virtuale potrebbe essere la stessa del Cheltenham film festival, che ha sfruttato la sua esperienza come uno dei primi eventi per fare il salto al digitale configurando la sua piattaforma di streaming YourScreen in modo che fungesse da distributore / espositore per film che altrimenti è improbabile che venga rilasciato nel Regno Unito. 

Il regista di YourScreen Leslie Montgomery Sheldon afferma di aver fatto il passo "sulla base del feedback positivo che abbiamo avuto dai membri del pubblico che hanno partecipato al nostro festival cinematografico online nel giugno 2020. Ci è stato detto che vorrebbero avere l'opportunità di guardare nuovi film e buoni indipendenti film online. "YourScreen mostra circa 10 film in due mesi, tramite una partnership di compartecipazione alle entrate con cinema indipendenti del mondo reale, non diversamente dalla popolare piattaforma di film indipendenti fondata da Modern Films. Sheldon dice che, finora, i loro titoli più performanti sono stati il ​​film canadese altrimenti sconosciuto And the Birds Rained Down e un film polacco chiamato Supernova, da non confondere con il dramma di Colin Firth / Stanley Tucci. Sheldon dice che è finanziariamente sostenibile e dopo la pandemia hanno intenzione di andare avanti. "Siamo qui per il lungo termine."

A Glasgow, Gardner è altrettanto ottimista: “Analizzeremo gli aspetti positivi e vedremo cosa possiamo incorporare la prossima volta. Si tratta di imparare le lezioni e guardare alle opportunità di coinvolgimento. Non credo che ci sarà un ritorno al lavoro come al solito, ad essere onesti, ma sono ancora speranzoso di tornare al cinema".

Il festival del cinema di Berlino si svolge dal 1 al 5 marzo.

Fonte: The Guardian

Categorie generali: 

Facebook Comments Box

Per condividere o scaricare questo video: TV Animalista