Ritratto di Pierre Hombrebueno
Autore Pierre Hombrebueno :: 25 Settembre 2014

Si svolgerà dal 26 Settembre fino al 4 Ottobre la 15a edizione di Asiatica - Incontri con il cinema asiatico, festival romano dedicato a produzioni orientali. Tra le opere di spicco, un documentario di Ai Weiwei e un Focus sull'Indonesia

Il controverso artista cinese Ai Weiwei

Al via da domani, Venerdì 26 Settembre, la quindicesima edizione di Asiatica – Incontri con il cinema asiatico, festival romano completamente dedicato alle produzioni orientali. Fino al 4 Ottobre, la capitale sarà dunque invasa da pellicole e ospiti provenienti dalla Cina, Singapore, Filippine, Hong Kong, Corea del Sud, India, Taiwan, Thailandia e tante altre nazioni ancora.

Particolarmente gustoso è il focus speciale sull'Indonesia con ben 16 opere tra lungometraggi, documentari e corti. Un'occasione più unica che rara per tuffarsi in una cinematografia di cui sappiamo poco o nulla, spesso ignorata persino anche dai grandi festival internazionali. Per l'occasione, arriveranno a Roma il pluripremiato Hanung Bramantyo, la regista Nia Dinata e il producer John Badalu. Sempre per celebrare Jakarta, si terrà inoltre una mostra d'arte contemporanea per esporre al pubblico italiano le ultime tendenze indonesiane attraverso il lavoro di 11 giovani artisti.

Tra le altre perle che vi consigliamo di non perdere, ecco poi Appeal ¥15,220,910.50, documentario sul controverso artista cinese Ai Weiwei, che qui racconta il suo arresto avvenuto nel Marzo 2011. Dovrebbe destare interesse anche Ikal Mayang: Unspoken Truths, pellicola collettiva concepita da 6 registe provenienti da ogni parte dell'Asia, unite per raccontare i desideri segreti e le ansie delle donne nella società d'oggi. E parlando di donne, ricordiamo infine che uno degli ospiti di Asiatica sarà la famosa scrittrice di origini bengalesi Jhumpa Lahiri, premio Pulitzer per L'interprete dei malanni (2000) nonché autrice di L'omonimo, romanzo da cui poi Mira Nair ha tratto Il destino nel nome – The Namesake.

Insomma, se siete dei cinefili perennemente in cerca di nuove scoperte e immersioni, consigliamo di farvi un giro ad Asiatica, che quest'anno triplicherà le sue sedi coinvolgendo il MACRO Museo d'Arte Contemporanea a Roma, il Teatro Ambra Alla Garbatella e il Teatro Palladium. Tutte le proiezioni e gli incontri, poi, sono assolutamente gratuiti, fatto di cui essere immensamente grati in un periodo come questo. Anche stavolta, un grazie va dunque al Direttore Artistico Italo Spinelli, per l'impegno e la volontà di portare il cinema orientale qui in Italia.

Per maggiori info sulla programmazione: +39 06 393 88386

Categorie generali: 

Facebook Comments Box