Ritratto di Marco Rovaris
Autore Marco Rovaris :: 3 Ottobre 2014

Il recente scandalo iCloud sulle foto di attrici nude diffuse in rete ha sollevato la questione sulla sicurezza dei dati personali. Ecco 10 consigli per migliorare la privacy e proteggere file on-line

Miley Cyrus

10 consigli per rendere più inattaccabile la privacy on-line. I file in rete sono difficili da proteggere, specialmente con lo status di star di Hollywood. Ecco perché è meglio non essere superficiali e premunirsi con precauzioni che non sono garanzie totali, ma potrebbero essere l'ultimo ostacolo per impedire a foto compremettenti di finire in rete.

1. Attenzione ai contenuti sul cellulare. Prima di salvare qualsiasi file sul proprio telefono accertarsi che nessuno di questi appartenga alla categoria "non vorrei assolutamente che la gente ne venisse a conoscenza". Certo, al giorno d'oggi è una questione generazionale assodata, ma essere una star significa essere un bersaglio.

2. Chi è a conoscenza dei dati per il log-in? Assistenti, manager...? Meno gente conosce le password meglio è. Il consiglio è restringere il cerchio sensibilmente. Se qualcuno esce dal team, la prima cosa da fare è cambiare i dati di accesso immediatamente.

3. La maggior parte dei portali offre la possibilità di accedere con una doppia verifica (two-step verification), che rende più difficili operazioni di pirateria. Il tempo speso a digitare una doppia password vale oro.

4. Meglio cambiare la password regolarmente e renderla sempre difficile. Ci sono siti che, gratuitamente, generano password incredibili: una volta creata, sarà più difficile per l'hacker intuirla.

5. Utilizzare più indirizzi e-mail, uno non basta. Meglio averne diversi per il lavoro, per la famiglia, per le questioni finanziarie. Conviene crearne uno anche per ogni membro della famiglia, specialmente per i figli. Non costa niente visto che creare un nuovo indirizzo è, oggi, un'operazione celere.

6. Valutare e selezionare i parametri sulla privacy nei vari social media. I maggiori siti hanno la sezione "preferenze sulla privacy" ed è opportuno visionarle per bene. Qualche volta il sito stesso resetta le scelte, quindi conviene farlo regolarmente.

7. Possibilità di creare sul proprio smartphone un secondo numero di telefono installando Google Voice. Un veloce e sicuro modo per proteggersi quando si vuole comunicare con qualcuno a cui non si è certi di voler dare il proprio numero personale. Più comodo di un secondo telefono e chi chiama deve identificarsi prima di potersi connettere.

8. Rendere sicura la Wi-Fi di casa. In particolare non scegliere il proprio nome per identificare la connessione, non è per niente furbo.

9. Esistono compagnie che offrono programmi sulla privacy che sono in grado di cancellare informazioni personali da centinaia di sistemi.

10. Usare alias e nickname spesso e volentieri negli alberghi o nelle liste contatti per evitare che il proprio nome venga pronunciato o riferito a qualcuno che non dovrebbe saperlo.

Categorie generali: 

Facebook Comments Box