Ritratto di Pierre Hombrebueno
Autore Pierre Hombrebueno :: 5 Dicembre 2014

Melanie Griffith non vedrà "50 sfumature di grigio". A chiederglielo è la figlia stessa, Dakota Johnson, protagonista assieme a Jamie Dornan della pellicola ad alto tasso erotico diretta da Sam Taylor-Johnson

Dakota Johnson con la mamma Melanie Griffith

Della trilogia letteraria di E. L. James se ne parla da anni; della trasposizione filmica da un bel po’, considerato che il primo teaser poster di 50 sfumature di grigio, in arrivo il 12 Febbraio 2015 in Italia (giusto prima di San Valentino) è uscito un anno fa. Ma benché le aspettative delle frotte innumerevoli di fan siano già altissime, il film di Sam Taylor-Johnson rimane ancorato alla legge del “basta che se ne parli”.

In questo caso a parlarne è Melanie Griffith, dopo la polemica innalzata dal padre della giovane protagonista Dakota Johnson (che interpreta Anastasia Steele, la ventunenne vergine iniziata al sesso sadomaso dal magnate Mr. Grey): Don Johnson ha infatti dichiarato che 50 sfumature di grigio è “il tipo di film che non andrò mai a vedere”, mentre la nonna Tippi Hendren (indimenticabile protagonista di Gli uccelli di Hitchcock) è stata altrettanto dura verso la nipote, definendo la pellicola “scandalosa” e condividendo il dispiacere del figlio per il coinvolgimento di Dakota.

A sostenere la giovane attrice, però, c’è la madre Griffith, in passato lei stessa coinvolta in sequenze altamente hot (era una squillo in Omicidio a luci rosse di Brian De Palma). In un’intervista al magazine TMZ l’attrice ha dichiarato che nemmeno lei vedrà il film, ma solo perché “è stata Dakota a chiedermelo”. Richiesta comprensibile, giacché la trilogia softcore, per quanto sia una fanfiction di Twilight e il sesso, come evidente dal trailer, sia patinato e per nulla scioccante (per la buona pace di bondage, frustini et similia), si fonda comunque su un immaginario erotico che forse, a giudicare dalla ritrosia della protagonista, sarà più esplicito del previsto.

[Leggi anche: Jamie Dornan: "Sono femminista, sculacciare Dakota non è stato eccitante"]

Non è dato sapere invece cosa ne pensino i genitori di Jamie Dornan (forse perché meno celebri), passato dalla serie tv C’era una volta dove interpretava un personaggio delle favole, a Mr. Grey, dominatore freddo e calcolatore ma ovviamente, alla fine, dal cuore innamorato. In seguito lo vedremo nel thriller di Alexandre Aja The 9th Life of Louis Drax, mentre la Johnson affiancherà Johnny Depp e Benedict Cumberbatch in Black Mass di Scott Cooper. Se i ruoli nella trilogia gli daranno la fama, questi gli permetteranno quantomeno di mantenere una certa dignità filmica.

Categorie generali: 

Facebook Comments Box