Ritratto di Simone Malacarne
Autore Simone Malacarne :: 22 Dicembre 2015

Tra gli attori che vedremo nell'attesissimo "The Hateful Eight" di Quentin Tarantino, figura anche Channing Tatum, che adesso ci racconta come abbia fatto ad ottenere l'ambito ruolo

Channing Tatum

Che Quentin Tarantino sia uno dei cineasti più amati dagli attori è una cosa ormai risaputa: alcuni interpreti ucciderebbero pur di lavorare con lui, e fra questi troviamo anche Channing Tatum, che è riuscito nell'impresa guadagnandosi un piccolo cameo nell'imminente The Hateful Eight, secondo western targato Q.T. dopo Django Unchained.

Una partecipazione, però, costata parecchia insistenza al divo di Magic Mike e 21 Jump Street. Pensate un po', per assicurarsi la parte, il nostro ha mandato al regista un'e-mail al giorno per trenta giorni consecutivi, chiedendo con ansia a Tarantino se altri attori volevano soffiargli la parte. Spiega Tatum in un'intervista con Jimmy Fallon: “Gli mandavo e-mail ogni giorno intimorito che altri interpreti potessero saltar fuori per il ruolo. Pregavo affinché non sbucasse fuori nessun altro... sono così felice che lui non mi abbia detto 'Guarda, Mike Tyson si è preso la parte'”. 

Channing, poi, ha quasi causato un grave incidente al povero Bruce Dern, quando, in preda a nervosismo durante le prove, ha rischiato di tirargli la mano troppo fortemente. Svela: “Ero tipo, 'Oh mio Dio, ho quasi ucciso uno dei migliori attori dei nostri tempi'. Sono mortificato”. 
Al momento non sappiamo ancora con precisione quale sarà esattamente il suo ruolo nel western, ma di certo avere Tatum a bordo non può che essere un punto in più per il già ricchissimo cast della pellicola, che, ricordiamo, arriverà nelle sale italiane il 4 febbraio.

[Leggi anche: Tarantino parla del ritiro e del formato pellicola di "The Hateful Eight"]

Tra gli altri attori che vedremo in scena, oltre ai già citati Tatum e Dern, ci sono Samuel L. Jackson, Kurt Russell, Jennifer Jason Leigh, Walton Goggins, Tim Roth, Zoe Bell, Michael Madsen, Demian Bichir, James Parks e, a quanto pare, anche l'immancabile compagno di bevute dell'autore, Eli Roth.

Categorie generali: 

Facebook Comments Box