Ritratto di Marco Rovaris
Autore Marco Rovaris :: 13 Novembre 2014

Il più grande "widescreen movie" degli ultimi 40 anni: ecco cosa sarà "The Hateful Eight", che Tarantino vuole girare in formato 70mm e con lenti anamorfiche Ultra Panavision. Il regista vuole salvare il film in sala, ma parla anche del suo ritiro

Quentin Tarantino

Completato il casting e con la produzione pronta a partire, Quentin Tarantino deve ora pianificare dei dettagli tecnici sulla sua prossima pellicola, il western The Hateful Eight, che proprio in queste ore sta cercando più distributori possibili all'American Film Market attraverso la sua sponsorizzazione e quella del produttore Harvey Weinstein. L'obiettivo è quello di portare il film ovunque attraverso una distribuzione capillare e precisa.

Il regista ha chiacchierato con i potenziali distributori e ha rilasciato dichiarazioni molto forti circa un suo possibile ritiro dopo il decimo film: "Non credo che qualcuno debba stare in circolazione fino a che la gente inizia a sperare che se ne vada: mi piace l'idea di lasciare la regia in un modo più dignitoso. Credo davvero che dirigere un film sia un mestiere da giovani e ho sempre creduto all'esistenza di un cordone ombelicale che colleghi i miei film, dal primo all'ultimo. Non vorrei ridicolizzare chi la pensa diversamente, ma io mi voglio esporre mentre spacco ancora (...). Mi soddisfa pensare di poter lasciare dopo 10 film, il che vorrebbe dire che dopo questo ne avrei altri due: non è che sia garantito, ma il piano è questo, tendenzialmente. Se arrivo a un decimo film ben fatto, ecco, sarebbe una bella chiusura di una lunga carriera. Nel caso poi dovessi imbattermi in un buon film, non direi "no" solo perché ho detto che non l'avrei fatto... però 10 film fatti come si deve mi suonano proprio bene".

[Leggi anche: The Hateful Eight di Quentin Tarantino: due new entry nel cast e la sinossi ufficiale]

Altre decisive parole sono quelle a proposito del formato pellicola 70mm scelto per il suo western, che molto si svilupperà in interni, ispirato a serie tv datate come Bonanza, Il virginiano e Ai confini dell'Arizona: "Se facciamo un buon lavoro nel creare con il film un prodotto unico grazie al formato 70mm, ricorderemo alle persone perché questo è qualcosa che non si piò vedere sullo schermo di una televisione e come possa essere un'esperienza che non si può avere nel guardare film sui tablet o sull'iPhone. Si potranno percepire i 24 frame al secondo e queste immagini splendidamente impressionate creeranno l'illusione del movimento. Spero di spingere a una riflessione sul momento di dominio del digitale e di portare la gente a pensare che vale la pena di andare al cinema e che ci vorrebbe più roba del genere".

Mentre Nolan, che a sua volta ha usato il formato 70mm per Interstellar, ha ottenuto una distribuzione esclusiva per il suo speciale formato pellicola in alcuni cinema un paio di giorni prima dell'uscita ufficiale in sala, Tarantino punta ancora più in alto: "Ora che il film è in via di estinzione e andare al cinema è quasi una scelta occasionale, potremmo tornare allo stile degli anni '60, con grandi produzioni che si sviluppavano come spettacoli itineranti, come nei casi di Quelli della San Pablo, Gli ammutinati del Bounty o Questo pazzo, pazzo, pazzo, pazzo mondo. Dovrebbero crearsi collaborazioni esclusive per proiezioni in formato 70mm in grandi teatri e opera house per un mese, per esempio, per poi passare alla classica distribuzione".

[Leggi anche: Tarantino, Nolan e Apatow salvatori della pellicola Kodak]

Con il ritorno del direttore della fotografia Robert Richardson, il piano è quello di utilizzare esclusivamente pellicole in formato 65mm e lenti Ultra Panavision, che non si usavanono dai tempi dei film sopracitati. Tarantino opterà quindi per un aspect ratio di 2.78:1, il più largo possibile, che farà di The Hateful Eight il più grande "widescreen movie" degli ultimi 40 anni. L'idea è far provare alle persone l'esperienza del 70mm per un periodo tra le due settimane e il mese, per poi utilizzare tranquillamente la proiezione in 35mm o quella digitale. Davvero eccezionale.

Categorie generali: 

Facebook Comments Box