Ritratto di Pierre Hombrebueno
Autore Pierre Hombrebueno :: 30 Agosto 2015

Spike Lee, Gena Rowlands e Debbie Reynolds sono i tre recipienti degli Oscar onorari che l'Academy consegnerà durante una cerimonia celebrativa prevista il 14 novembre

Spike Lee

Rivelati gli Oscar onorari di quest'anno: fra i tre i recipienti, anche il grande Spike Lee, regista afroamericano responsabile di pellicole come Fa' la cosa giusta, Malcolm X, Summer of Sam – Panico a New York, La 25a Ora e Inside Man. Per quanto il cineasta abbia ottenuto due candidature agli Academy Awards nel corso della sua carriera, il nostro non è mai riuscito a mettere mano all'ambita statuetta d'oro. 

La stessa cosa per le altre due personalità scelte dall'Academy, attrici veterane tra le più rispettate dell'industria ma ancora senza Oscar. Da una parte, la musa di John Cassavetes, Gena Rowlands, forte di una carriera che comprende titoli come Una moglie, La sera della prima, Taxisti di notte e l'amatissimo romance Le pagine della nostra vita; dall'altra Debbie Reynolds, lanciata nel panorama hollywoodiano dal capolavoro Cantando sotto la pioggia di Stanley Donen & Gene Kelly, e poi successivamente al lavoro con autori del calibro di Blake Edwards (La tentazione del signor Smith), John Ford (La conquista del West), Oliver Stone (Tra cielo e terra) e Steven Soderbergh (Dietro i candelabri).

Insomma, praticamente degli Oscar di risarcimento per delle sfavillanti carriere troppe volte ignorate dalla giuria. Spiega Cheryl Boone Isaacs, presidentessa dell'Academy: “La commissione è orgogliosa di onorare i contributi notevoli dei nostri recipienti. Celebreremo il loro lavoro con la consapevolezza che tutto ciò che hanno fatto con passione, impegno e desiderio di fare la differenza, arricchirà anche le future generazioni”. 

[Leggi anche: Dopo gli ascolti deludenti dell'ultima cerimonia, gli Oscar puntano al cambiamento]

Ricordiamo, infine, che i “veri” Oscar si svolgeranno invece il 28 febbraio del 2016, con l'annuncio delle candidature atteso per il 14 gennaio. Tra i titoli in pole position che si preparano ad infiammare la stagione dei premi: The Revenant di Alejandro Gonzalez Inarritu, The Danish Girl di Tom Hooper, Il ponte delle spie di Steven Spielberg, Youth – La giovinezza di Paolo Sorrentino, Steve Jobs di Danny Boyle, Carol di Todd Haynes, Joy di David O. Russell, The Hateful Eight di Quentin Tarantino, Trumbo di Jay Roach e Suffragette di Sarah Gavron.

Categorie generali: 

Facebook Comments Box