Ritratto di Pierre Hombrebueno
Autore Pierre Hombrebueno :: 25 Novembre 2015

Faide tra registi: il giornale brasiliano O Globo, infatti, ha chiesto a Quentin Tarantino se abbia intenzione, prima o poi, di tornare a collaborare con Spike Lee. La risposta dell'autore di "Pulp Fiction"? Tutt'altra che positiva!

Spike Lee e Quentin Tarantino

Faide tra registi come piacciono molto a noi. Il giornale brasiliano O Globo, infatti, ha chiesto a Quentin Tarantino se abbia intenzione, prima o poi, di tornare a collaborare con Spike Lee, cineasta che lo diresse in Girl 6 – Sesso in linea, film del 1996. La risposta dell'autore di Pulp Fiction? Tutt'altra che positiva: “Mai! Dirigerò solo altre due pellicole, e non ho intenzione di sprecarle lavorando con quel figlio di puttana. Lui sarebbe molto contento se accettassi di collaborare, ma non accadrà”. Insomma, una replica nient'affatto amichevole, non trovate anche voi?

Com'è noto, infatti, i due non vanno affatto d'accordo, con l'agguerrito Lee che non ha mai perso occasione di criticare le pellicole del collega, in particolare Jackie Brown. Diceva Spike all'epoca: “Quentin è infatuato con la parola “Negro”. Cosa vuole diventare, un nero onorario?”. E già allora, ovviamente, Tarantino rispondeva per le rime: “Come scrittore, ho il diritto di creare qualsiasi personaggio del mondo di cui io voglia scrivere. E dire che io non possa farlo solo perché sono bianco è una cosa razzista!”.

La lotta si riaccende qualche anno dopo con Django Unchained, con Lee che ha dichiarato di non aver assolutamente intenzione di vedere la pellicola, in quanto sarebbe irrispettosa nei confronti dei suoi antenati: “Non posso parlarne, perché non lo vedrò. Tutto ciò che dirò è che non rispetta i miei antenati, ma questo sono solo io, non sto parlando per gli altri. La schiavitù non era uno Spaghetti Western di Sergio Leone. Era un olocausto. I miei antenati erano schiavi. Sottratti all'Africa. Io intendo onorarli”. A seguire, ovviamente, sono state le risposte offensive dai fan di Tarantino.

[Leggi anche: "Godard è una fottuta noia": Insulti tra celebri registi]

Insomma, i due celebrati registi non si ostinano proprio a trovare pace. La cosa paradossale è che entrambi i loro nuovi film hanno pure lo stesso protagonista: sia The Hateful Eight che Chi-Raq, infatti, vedrà in scena Samuel L. Jackson! Come si sentirà l'attore a trovarsi diviso e conteso da questi due giganti del cinema?

Categorie generali: 

Facebook Comments Box