Ritratto di Marco Rovaris
Autore Marco Rovaris :: 16 Novembre 2014

British Film Institute riporta nelle sale britanniche un grande classico del cinema science-fiction: "Blade Runner" di Ridley Scott nella versione director's cut del 2007. Il cult sarà eccezionalmente al cinema il 14 dicembre e da aprile 2015

Blade Runner

Blade Runner: The Final Cut farà il giro delle sale cinematografiche inglesi all'interno di un programma targato British Film Institute. Il classico di Ridley Scott torna sul grande schermo nella sua versione più fedele all'idea originaria del regista, che ha potuto vedere la luce nel 2007 in occasione del venticinquesimo compleanno del film. Il restauro è uno dei più riusciti e di successo della storia del cinema, perché ha investito sia sulla qualità delle immagini sia sul contenuto, alterando sensibilmente l'epilogo e rendendolo più simile al racconto di Philip K. Dick da cui il film è tratto.

La diffusione capillare nel Regno Unito di Blade Runner: The Final Cut inizierà il 3 aprile del 2015, con un anticipo esclusivo il giorno 14 dicembre, quando il film sarà ospitato in 80 sale cinematografiche britanniche in proiezione speciale all'interno della stagione di BFI Sci-Fi: Days of Fear and Wonder.

La pellicola del 1982 vede il detective Harrison Ford, in una Los Angeles futuristica e ipertecnologica, dare la caccia a replicanti tanto brillanti quanto pericolosi. Grazie anche all'interpretazione inquietante di Rutger Hauer, il film di Scott è diventato un assoluto classico, capace di fondere diversi generi: detective story, noir, dramma e azione, tutto in uno scenario distopico e avanguardistico anche dal punto di vista visivo. Immagini simili non si erano mai viste prima e Scott confermava la sua familiarità con il genere science-fiction o fantascientifico, dopo il successo travolgente di Alien.

[Leggi anche: I migliori film tratti da romanzi. Quando il film è meglio del libro]

La carriera di Ridley Scott ha toccato altri lidi, ma i fan hanno sempre sostenuto e preferito la sua vena visionaria, e a ragione, visto che uno degli ultimi lavori più apprezzati è sicuramente Prometheus, una sorta di prequel della quadrilogia con protagonista Sigourney Weaver.

L'intervento del 2007 su Blade Runner consiste in restauro digitale e masterizzazione, con nuove sequenze ed effetti speciali inediti: da ricordare la sequenza onirica dell'unicorno e l'epilogo, che suggerisce l'appartenenza del protagonista stesso al mondo dei replicanti.

Categorie generali: 

Facebook Comments Box