Abbonamento Annuale Completo al canale di informazione libera

Ritratto di Erika Favaro
Autore Erika Favaro :: 4 Maggio 2016

Il regista di "4 mesi, 3 settimane, 2 giorni" sarà in concorso a Cannes con il suo ultimo lavoro ambientato in una cittadina della Transilvania

Bacalaureat

Il regista romeno Cristian Mungiu in questi giorni aveva diversi motivi per festeggiare oltre al suo compleanno. Il suo ultimo film, infatti, Graduation (o in francese Bacalaureat), non solo è stato selezionato per essere in concorso al prossimo Festival di Cannes, ma è anche stato già acquistato dagli Stati Uniti grazie alla Sundance Selects.

Il fatto di essere in competizione a Cannes non è esattamente una sorpresa: si sa che la kermesse francese è solita privilegiare chi si è già distinto durante le precedenti edizioni. Qualcuno allora si ricorderà che nel 2007 la Palma d’Oro era stata assegnata proprio a 4 mesi, 3 settimane, 2 giorni in cui proprio Cristian Mungiu raccontava la drammatica storia di due compagne di stanza nella Romania di Ceaușescu alle prese con l’organizzazione di un aborto clandestino.

Il nuovo film invece racconta di Romeo Aldea, un medico che vive in un villaggio della Transilvania insieme alla figlia Eliza. La ragazza è stata cresciuta dal padre con la consapevolezza da parte di entrambi che una volta compiuti i 18 anni Eliza avrebbe lasciato la sua terra per andare a studiare all’estero. Tutto sembra procedere per il meglio fino a quando, il giorno prima della prova scritta dell’esame di maturità, la ragazza subisce un’aggressione. A questo punto spetterà al padre decidere per lei, a costo di disobbedire al solido sistema di valori con cui aveva sempre educato la figlia.

Al momento è disponibile il trailer in rumeno e la locandina del film che sembra avere più di una carta in regola per essere un ottimo film drammatico.

Sarà davvero interessante poter avere uno sguardo sulla Romania di oggi, un paese il cui cinema non arriva quasi mai nelle sale italiane. Ed è un vero peccato, chissà quanti Cristian Mungiu ancora non conosciamo, chissà quanti film come I racconti dell’età dell’oro (pellicola corale in cui un episodio era stato diretto dallo stesso Mungiu) potrebbero farci sorridere.

Categorie generali: 

Facebook Comments Box

Per condividere o scaricare questo video: TV Animalista