Ritratto di Redazione
Autore Redazione :: 15 Settembre 2016

"Lola Darling" di Spike Lee diventerà una serie su Netflix, e sarà lo stesso regista a sviluppare la serie per il colosso dello streaming

Lola Darling

Spike Lee ha un nuovo progetto: sviluppare una serie per Netflix che prende spunto direttamente dal suo primo lungometraggio, Lola Darling.

Lee dirigerà i dieci episodi e come produttore sarà affiancato dalla moglie Tonya Lewis. I due insieme svolgeranno anche il ruolo di produttori esecutivi.

Sulla trama sembra che non ci si discosti molto dalla sua opera di riferimento. Infatti, dovremmo trovare ancora il personaggio di Nola Darling, artista di Brooklyn in lotta per la propria indipendenza con il lavoro e in compagnia di molti amici e amanti. E poi Greer Childs, il modello, il banchiere Jamie e naturalmente Mars Blackmon interpretato da Lee.

Secondo il magazine Screen, la storia dovrebbe colorirsi del tempo attuale, ovvero utilizzare un cast con ruoli chiave affidati ad attori latino americani.

Il commento di Spike Lee sul nuovo progetto: "Lola Darling - She's Gotta Have It  ha un posto speciale nel mio cuore. Abbiamo girato il film in solo 12 giorni, nelle strade di quella infuocata estate che fu il 1985. Il tutto spendendo appena 175mila dollari. Tutti fondi che abbiamo ottenuto con preghiere o in prestito. Adesso con il 30mo anniversario, abbiamo l'occasione di rivisitare quei memorabili personaggi che sono ancora attuali dopo oltre tre decadi... (...) Io e Tonya, che ha seguito questo nuovo progetto, siamo contenti che sia stato accolto da Netflix".

Lola Darling era davvero un pugno nello stomaco allora, lontano dal cinema mainstream di Hollywood, con la New York della razza afroamericana, del genere sessuale non etero e delle autentiche relazioni umane. Il film fu un successo guadagnando 7 milioni di dollari e di sicuro consentì a Lee di continuare con successo la sua carriera di cineasta.

Categorie generali: 

Facebook Comments Box