Ritratto di Pierre Hombrebueno
Autore Pierre Hombrebueno :: 9 Marzo 2015

Disponibile il primo trailer di "Every Thing Will Be Fine", nuovo film di Wim Wenders già passato allo scorso Festival di Berlino, dove è stato demolito dalla critica. Nel cast: James Franco, Rachel McAdams e Charlotte Gainsbourg

Wim Wenders e James Franco

Dopo il successo del documentario Il sale della terra (con cui ha avuto addirittura una nomination agli Oscar), Wim Wenders è tornato con un film di finzione, Every Thing Will Be Fine, che vanta nel cast un trio di talenti composto da James Franco, Rachel McAdams e Charlotte Gainsbourg. Finalmente, ora ne vediamo il trailer, seppur per adesso sia disponibile solamente quello in lingua tedesca.  

Avvia la prova gratuita su MUBI

Siamo in mezzo alla neve, e l’attenzione è tutta per il protagonista Tomas, scrittore in crisi che, forse distratto dalla sigaretta che sta buttando fuori dalla finestra, finisce per investire un bambino, uccidendolo. Interessanti le atmosfere del filmato, che sembrerebbero promettere un ménage à trois esistenziale che coinvolge i tre interpreti, con la McAdams che veste i panni di Sara, fidanzata di Tomas, e la Gainsbourg quella di Kate, madre del bambino.

Il film uscirà nelle sale tedesche il 2 Aprile, seguito dalla Francia venti giorni dopo. Ancora in attesa di distribuzione gli altri territori, compresi gli Stati Uniti e l’Italia. Il nome di Wenders dovrebbe essere la garanzia per una diffusione mondiale nel giro di pochi mesi, ma stavolta le recensioni non aiutano di certo. Infatti, la critica ha praticamente demolito la pellicola alla scorsa Berlinale, dove veniva presentata in anteprima. Unanime la stroncatura, da Variety a Indiewire, passando per Hollywood Reporter e CineVue. Le poche lodi sono invece arrivate al direttore della fotografia Benoît Debie, tra i più apprezzati professionisti del vecchio continente, tanto da aver già lavorato con nomi di spicco come quelli di Gaspar Noé (e pensate alle lisergie cromatiche di Irréversible ed Enter the void), Fabrice Du Welz e addirittura il nostro Dario Argento, che nel 2004 l’ha voluto in Il cartaio.

[Leggi anche: Video: Wim Wenders ci spiega come realizzare un film perfetto]

Al momento, ricordiamo che Wenders si sta occupando della produzione di Return to Timbuktu, documentario firmato da Michael Meredith. Poi produrrà anche Waiting for the Miracle to Come di Lian Lunson, dramma che vede nel cast Charlotte Rampling.  Elencare, invece, tutti i progetti in ballo di James Franco (attore e regista), risulta praticamente impossibile, in quanto la lista appare decisamente infinita. Tra quelli più interessanti, possiamo però citare True Story di Rupert Goold, dove affianca Jonah Hill e Felicity Jones; I am Michael di Justin Kelly, storia di un attivista gay che diventa un religioso omofobo; e, ovviamente, Queen of the Desert di Werner Herzog, anch’esso all’ultimo Festival di Berlino e anch’esso martoriato dalla critica. La domanda sorge dunque spontanea: che sia proprio James Franco a portare sfiga?

Categorie generali: 

Facebook Comments Box