Ritratto di Pierre Hombrebueno
Autore Pierre Hombrebueno :: 17 Maggio 2015

Grande fermento per "How to Talk to Girls at Parties", nuovo film di John Cameron Mitchell, descritto come una specie di "Romeo e Giulietta ma con alieni e punk". Nel cast, oltre alla già confermata Elle Fanning, potrebbe ora entrare Nicole Kidman

Nicole Kidman

Festeggino i fan di John Cameron Mitchell, regista ancora sconosciuto ai più, ma in verità già autore di divese perle cinematografiche, dal magnifico musical esistenziale Hedwig – La diva con qualcosa in più alle malinconiche solitudini collettive di Shortbus. La sua ultima volta al cinema fu ormai 5 anni fa con Rabbit Hole, dramma familiare con Aaron Ekhart e Nicole Kidman. E l'attrice australiana dev'essersi proprio trovata bene con Mitchell, tanto da essere nuovamente in trattativa per recitare nel suo nuovo progetto, How to Talk to Girls at Parties, commedia romantica le cui riprese dovrebbero iniziare quest'autunno.

Al centro della narrazione sarà un'aliena in giro per l'universo: ovviamente, finirà catapultata proprio a Londra, e chissà che non nasca addirittura un amore interstellare con un terrestre. Secondo Mitchell, infatti, il film sarebbe “una sorta di Romeo e Giulietta, solo che al posto di Montecchi e Capuleti ci saranno alieni e punk”. Insomma, sembrerebbe proprio la cosa più cool del mondo, anche perché a vestire i panni della protagonista dall'altro mondo sarà la bella Elle Fanning, affiancata per l'occasione da Ruth Wilson (The Affair, The Lone Ranger) e Matt Lucas (Alice in Wonderland, Le amiche della sposa). L'eventuale arrivo della Kidman non potrà che donare quel tocco di glamour in più, e magari interpreterà pure un personaggio diverso dal suo solito, come già accaduto nel bel Paddington di Paul King.

[Leggi anche: Nicole Kidman tra flop cinematografici e un padre accusato di pedofilia e satanismo]

La sceneggiatura di How to Talk to Girls at Parties, basato su un racconto breve di Neil Gaiman, è stata curata da Mitchell stesso, aiutato per l'occasione da Philippa Goslett, già precedentemente alle prese con Little Ashes di Paul Morrison, biopic su Salvador Dalì targato 2008. La pellicola verrà lanciata in questi giorni al Festival di Cannes, dove la HanWay inizierà a cercare compratori internazionali. Tosta la squadra di produttori, che comprende il duo Iain Canning ed Emile Sherman, forte di un curriculum che vanta premiatissime opere come Il discorso del re di Tom Hooper, Shame di Steve McQueen e la serie tv Top of the Lake di Jane Campion.

Categorie generali: 

Facebook Comments Box