Ritratto di Erika Favaro
Autore Erika Favaro :: 16 Febbraio 2016

La commedia francese racconta uno scontro/incontro generazionale tra un nonno olivocoltore e tre giovani nipoti

Un'estate in Provenza

Nel mese di aprile grazie alla Nomad Film Distribution uscirà nelle sale italiane la commedia francese Un’estate in Provenza con Jean Reno ed Anna Galiena.

L’idea di partenza è molto semplice: tre ragazzi parigini vengono mandati dalla famiglia a trascorrere i mesi estivi presso la tenuta dei nonni materni che si trova proprio in Provenza, una delle più belle regioni della Francia meridionale. Lì incontreranno e si scontreranno con un nonno burbero interpretato da Jean Reno (Nikita, La pantera rosa) che di professione fa l’ovicoltore.

Da quest’ultimo dettaglio narrativo si aprono diverse tematiche che non sempre è facile inserire in un genere come la commedia senza risultare didascalici. Il personaggio del nonno ha infatti scelto di coltivare gli ulivi e dedicarsi alla produzione dell’olio – attività effettivamente svolta anche dallo stesso Reno che nella realtà produce olio e vino proprio in Provenza – perché ha deciso di intraprendere uno stile di vita sostenibile.

[Leggi anche: "Lucy" di Luc Besson aprirà il 67mo Festival di Locarno]

La natura, l’impatto ambientale delle attività umane, le relazioni umane, non sono però gli unici temi trattati in Un’estate in Provenza. Uno dei tre protagonisti è sordomuto e questo permette di avvicinarsi ad una realtà che al cinema non viene quasi mai mostrata e che dal cinema spesso viene tenuta lontana. Non tutti infatti sanno che i sottotitoli per la comunità di sordomuti - tra cui esistono grandi appassionati della settima arte, è ovvio – non sono gli stessi di un film semplicemente non doppiato.

Si tratta di una fruizione diversa, estremamente affascinante e proprio per questo la casa di distribuzione romana sta organizzando delle proiezioni ad hoc per il pubblico della comunità sorda e per i non vedenti (con audio descrizione). Non un modo per distinguere o creare barriere, semplicemente per dare a tutti la possibilità di godere al massimo la visione di un film. 

Categorie generali: 

Facebook Comments Box