Ritratto di Enrico Bulleri
Autore Enrico Bulleri :: 7 Ottobre 2018
"Miami Vice" (Brother's Keeper) (Pilota) (Usa 1984), Thomas Carter. Produttori esecutivi Michael Mann e Anthony Yerkovich

Trentaquattro anni fa di settembre, faceva il suo esordio sulla rete americana NBC la serie tv poliziesca che più avrebbe cambiato e re-codificato la narrazione seriale della televisione: "Miami Vice", una icona in tutto e per tutto del post-moderno

Trentaquattro anni fa di questo mese(il 16 settembre 1984, per la precisione), una serie televisiva esordì diventando rapidamente  una delle principali icone culturali del proprio decennio, facilmente identificabile con gli anni '80 come Ronald Reagan, e MTV. Ma con la prospettiva odierna di tre decenni di televisione poliziesca drammatica da allora, è adesso  chiaro che l'influenza del programma in questione, “Miami Vice”, è stata molto più profonda e duratura che semplicemente come incoraggiamento alla vendita di giacche di lino non strutturate, e alla crescita della barba di tre giorni .

Per la maggior parte della storia della televisione precedente, le linee di demarcazione tra buoni e cattivi, giusto e sbagliato, e poliziotti e ladri erano per lo più chiare. “Miami Vice”  ha cambiato tutto questo. Come soldati di prima linea nella cosiddetta "guerra alla droga", James "Sonny" Crockett (Don Johnson) e il partner Ricardo "Rico" Tubbs (Philip Michael Thomas) sono sicuramente dei poliziotti della migliore tradizione televisiva, ma con ben poche illusioni sulla natura ultima del loro lavoro.

"La roba continua a entrare. Siamo solo un casello sull'autostrada," come Sonny si lamenta con Rico, ad un certo punto. Non importa quanti trafficanti neutralizzino, i chili di cocaina che intercettano, le rotte di traffico che interrompono - ce ne sono e ne saranno sempre di più. Persino i potenti contatti del loro capo, l'enigmatico Tenente Martin Castillo (Edward James Olmos in una interpretazione vincitrice di un Emmy), il quale nella sua precedente vita era un oscuro operativo  per la Drug Enforcement Administration nel Sud-Est asiatico, non può negare la fatica di Sisifo del dover contrastare il commercio internazionale di stupefacenti da 400 milioni di dollari che si è accumulata, sulle spalle e gli sforzi dei due stanchi detective della narcotici del Dipartimento di polizia di Miami, a 400 dollari alla settimana.

In una scena cruciale dell'episodio di due ore in apertura della seconda stagione, Crockett e Tubbs, si stanno avvicinando a una batteria  di fratelli colombiani che si occupano di spaccio di droga, trovano il loro percorso bloccato da un ostacolo inaspettato: un brillante, impeccabile banchiere. Quando lo affrontano nel suo lussuoso ufficio di Manhattan, il banchiere spiega serio e minaccioso: "Non molto tempo fa, la nostra banca ha prestato un sacco di soldi ai nostri amici in America Latina ... centinaia di milioni di dollari. Sarò ripagato vendendo le loro borse di paglia e vasi di terracotta ...? Ecco perché è molto, molto importante coltivare e proteggere le principali colture da reddito dei nostri fratelli latini ". "Soprattutto quelle che si misurano in chili", risponde Tubbs ironicamente. Crockett chiede di sapere "perché un indirizzo di Wall Street stia interferendo con la cattura di un paio di fratelli narcotrafficanti colombiani assettati di sangue". "Tutto quello che dovete sapere è che siete soli in questa battaglia", dice il banchiere. Il casello sull'autostrada, in altre parole.

Così provocato, Crockett non può resistere a poche parole di separazione: "Non posso toccarti, lo so, troppe protezioni, la politica, troppi favori, ma sei sporco, e io sono paziente." Cinico e realistico, crede ancora nella sua causa, pensa ancora che qualunque sia la differenza –lui-, può fare una specie di differenza.

Ma alla fine delle cinque stagioni della serie, sia Crockett che Tubbs la avrebbero pensata diversamente. Completamente disillusi, disgustati e scoraggiati, gettano i loro distintivi nella polvere ai piedi di Castillo e lasciano Miami, Tubbs per la sua natia New York, Crockett per delle "parti del sud", sapendo che le droghe continueranno a essere richieste, i commercianti e i politici e gli uomini d'affari continueranno a arricchirsi e le vittime continueranno a morire.

Più che lo stile visivo o la colonna sonora fantastica, è quel senso di alienazione, di eroismo esistenziale di fronte alla totale inutilità, che ha colpito l’immaginario nel 1984. In un modo che pochi o nessun programma televisivo aveva mai fatto prima, “Miami Vice” dipinse un universo caotico in cui gli unici assoluti morali erano quelli creati e mantenuti dai suoi protagonisti. Niente di nuovo  per i giorni nostri, dopo “The Sopranos” e “The Wire” e “Breaking Bad”, ma un concetto radicalmente nuovo e pericoloso per la televisione del 1984. Michael Mann, Anthony Yerkovich e le altre menti creative di “Vice” gettarono le basi per David Chase e Vince Gilligan, di molti anni dopo.

“Miami Vice” portò la serialità poliziesca televisiva in una direzione completamente nuova, fondendo i luoghi puliti e ben illuminati della Miami degli anni '80 con le oscure sensibilità da film noir degli anni '40, rivelando uno squallida sottofondo di corruzione e violenza. Anche durante la corsa al plauso di “Vice”, molti critici furono abbagliati dalla sua seducente apparenza di eccessivo e vistoso edonismo, dagli abiti di Versace alle Ferrari, e alle case di estrema ricercatezza architettonica, e non riuscirono a vedere oltre, pensando che lo sfarzo e il glamour fossero tutto ciò che c'era. Si sbagliavano.

In tutta onestà, è stato un errore facile da fare. Era difficile non essere distratti dall'aspetto di “Vice”, perché visivamente e stilisticamente non si era mai visto niente di simile sulle reti TV. Il produttore esecutivo Michael Mann affrontò la televisione da una prospettiva cinematografica, non solo negli aspetti ovvi del design di produzione come il guardaroba, le scenografie e gli oggetti di scena, ma al livello più profondo della cinematografia, l'illuminazione delle scene, l'inquadratura delle riprese e la modifica di sequenze.

E, naturalmente, la musica. La nota leggendaria "poliziotti in stile MTV" del dirigente della rete NBC Brandon Tartikoff era in parte una barzelletta, in parte una comoda abbreviazione, ma non si può negare l'importanza della musica per “Miami Vice”.  Mann non usava la musica per dettare ma piuttosto per completare e contrapporre la narrazione, in modi che a volte suggerivano nuove profondità interpretative in canzoni e brani apparentemente familiari.

Inoltre spesso viene trascurata la musica originale di “Vice”, composta ed eseguita dal noto musicista di origine jazzistica  Jan Hammer.  Coerentemente con l'insistenza di Mann su un approccio filmico, ogni settimana Hammer componeva una colonna sonora originale per ogni episodio da zero - qualcosa di inaudito in un'epoca in cui i programmi TV erano generalmente contrassegnati da una library di musica di repertorio.

In un'altra tecnica filmica precedentemente mai utilizzata dalla televisione, ”Vice” presentava spesso lunghe sequenze costruite esclusivamente sulle immagini con la musica, senza alcun dialogo. Una frequente critica al telefilm fu che non era altro che "radio con immagini": si poteva seguire perfettamente la storia senza mai guardare lo schermo. Grazie a “Miami Vice”, oggi questa critica non ha più fondamento per la maggior parte delle migliori serie della TV - forse una delle innovazioni più significative e trascurate di “Vice”.

Soprattutto se sei un fan di “Breaking Bad”, “The Wire”, “True Detective”, o praticamente qualsiasi altra importante serie contemporanea sul crimine, non puoi non trovare sia illuminante che estremamente affascinante, rivisitare o riscoprire “Miami Vice”.

Quando l’episodio pilota di “Miami Vice”, il 16 settembre del 1984 venne programmato dalla NBC, nessuno poteva immaginare che si stava assistendo a quello che sarebbe diventato una delle maggiori icone culturali dell’intera decade, e realmente identificabile con gli anni ’80 in America, quanto Ronald Reagan e MTV.

In una delle prime uscite in vhs dell’episodio, da parte della MCA Home Video/Universal, “Miss You” dei Rolling Stones del 1978, è stata rimpiazzata da musica rock strumentale anni ’80.

La Ferrari Daytona Spider che si vede nelle prime due stagioni è stata costruita su due repliche dal telaio di una Chevrolet Corvette del 1980, ad opera dell’elaboratore Tom McBurkie, con la collaborazione del famoso importatore Al Mardikian.

L’episodio è noto anche con il titolo “Brother’s Keeper”, dopo la sua ri-programmazione nel 1988.

Quando la sceneggiatura del pilota venne sottoposta alla NBC, un executive della rete per riassumere la serie annotò la definizione “Due poliziotti da MTV”, questo soprannome ha catturato l’attenzione.

Gary Cole e Jimmy Smits furono le scelte originarie nei ruoli di Crockett e Tubbs.

Questo fu il primo ruolo in una serie tv, per Jimmy Smits.

Larry Wilcox decise di proporsi per un provino al ruolo del  detective James “Sonny” Crockett per mantenere attiva la sua carriera. “C.H.I.P.S.” era appena terminata l’anno prima nel 1983, e alla fine, Wilcox e Don Johnson furono i due finalisti prescelti per il ruolo, mentre i produttori avevano notevoli difficoltà per la scelta. Sfortunatamente per Wilcox, egli aveva già interpretato la parte di un poliziotto divenuto famoso in una serie di grande successo, e questo non sarebbe stato positivo per una serie completamente nuova.  A causa di ciò, il più sconosciuto Don Johnson fu il prescelto per il ruolo di James “Sonny” Crockett.

La radio della polizia che si sente di sottofondo nell’episodio e successivamente nel corso della prima stagione, era la radio della polizia di quel periodo del Las Vegas Metropolitan Police Department a Las Vegas, Nevada. E’ per quello che se si presta bene attenzione possiamo sentire chiamate di servizio e strade e luoghi, del posto.

Miami Vice: "Brother's Keeper" Trailer
"Miami Vice" "In The Air Tonight" Scene Good Quality

Voto della redazione: 

4

Facebook Comments Box