Ritratto di Redazione
Autore Redazione :: 26 Novembre 2015
Locandina di Natale all'improvviso

Recensione di Natale all'improvviso di Jessie Nelson con Diane Keaton, John Goodman e Olivia Wilde: Pacchetto a scadenza festivaliera, raffazzonato ma con qualche momento grazioso

Si avvicina Natale e poche altre cose più dei prodotti confezionati a scadenza festivaliera e a rapida consumazione come i cinepanettoni e gli straight-to-video made in USA sono capaci di farci detestare il periodo "più bello dell'anno". Se da noi si prepara la carica di commediacce a stampino, dall'America arrivano i caleidoscopi affollati di star – Natale all'improvviso, in questo senso, fa la sua porca figura schierando Diane Keaton, John Goodman, Alan Arkin, Marisa Tomei, Amanda Seyfried, Olivia Wilde, June Squibb, Ed Helms – e col tema conduttore e unitario, ovviamente della famiglia.

Senza risparmiarsi il carico di gag scatologiche (per fortuna, contenute). Il nucleo familiare in questione è quello dei Cooper, I due genitori stanno divorziando, ma vogliono mantenere le apparenze quantomeno la sera del 24 e gli altri membri non sono messi tanto meglio: la sorella di lei è una cleptomane, la figlia una disillusa che ha una storia con un uomo sposato, il figlio ha perso il lavoro, il nipotino è un acerbo teen a cui la festività non potrebbe importare di meno, la nonna ha qualche rotella fuori posto, e via dicendo. Tanti caratteri che si incontreranno e scontreranno solo nel terzo atto della pellicola, dopo sfilacciati sketch che evaporano in fretta tra il prevedibile, il noioso e il becero, complici una scrittura svogliata e frettolosa (si pensi alla vicenda di Arkin e Seyfried) e una regia non pervenuta (eppure Nelson è l'uomo dietro gli strappalacrime Storia di noi due e Mi chiamo Sam).

[Leggi anche: Recensione di APPuntamento con l'@amore | Romance lampo e commedia degli equivoci]

Qualche sporadico momento grazioso, tuttavia, rimane, grazie principalmente alla "strana coppia" Olivia Wilde/Jake Lacy, tra i quali si innesca un classicissimo ménage sentimentale che però, stretto fra i vari segmenti corali, deve accelerare il proprio moto asciugandone il decorso e rendendo più immediati e diretti gli scambi fra i due litiganti, risultando la sezione più gradevole.

Trailer di Natale all'improvviso

Voto della redazione: 

2

Facebook Comments Box