Ritratto di Pierre Hombrebueno
Autore Pierre Hombrebueno :: 2 Maggio 2014

Presentato al Jeonju International Film Festival (JIFF), Mad Sad Bad è un omnibus che usa il 3D per amplificare il dramma piuttosto che l'azione. Dirigono Ryoo Seung-wan, Han Ji-seung e Kim Tae-yong

Una scena di Mad Sad Bad

Si intitola Mad Sad Bad, ed è un film ad episodi coreano che intende esplorare le nuove possibilità del 3D, usandolo per enfatizzare il dramma piuttosto che l'azione. Diretto da Ryoo Seung-wan, Han Ji-seung e Kim Tae-yong, la pellicola è stata presentata in anteprima mondiale al Jeonju International Film Festival (JIFF), manifestazione dedicata alle produzioni indipendenti. 

Dichiara Ko Muk-san, direttore della rassegna: “Quando si parla di 3D, la comparazione con Hollywood è inevitabile. Ma Mad Sad Bad si distanzia dagli spettacoli ultra-costosi e pone una questione molto importante riguardo l'estetica della tecnologia 3D applicata al cinema. Questo progetto è significante in quanto rappresenta un'autentica fusione tra tecnologia e narrazione". 

Il primo segmento dell'omnibus è curato da Ryoo Seung-wan, affermato autore che si è fatto conoscere anche in occidente grazie a pellicole come Arahan e The City of Violence. Qui ha scelto di raccontare la tragica storia di due ragazzi caduti nella violenza tentando di aiutare una donna conosciuta online. “Il 3D” - sostiene il regista - “può essere un potente strumento per dipingere la realtà con una dimensione aggiuntiva”. 

Dal canto suo, Han Ji-seung ha unito il musical allo zombie movie, in una miscela impazzita di suggestioni. Entusiasta riguardo la tecnologia utilizzata, il film-maker “vorrebbe esplorare i diversi livelli che offre la terza dimensione, soprattutto per quanto riguarda la cattura della luce, della polvere e dei riflessi”. Protagonista del terzo segmento è invece una bambina in cerca del proprio fratellino autistico. Il regista Kim Tae-yong ha l'occhio focalizzato su di lei: “Quando faccio film, mi concentro su come rendere credibile la realtà interna della narrazione. Penso che il 3D, così come il 2D, sia solo uno dei modi con cui puoi riuscirci. Personalmente mi trovo meglio con il 2D, ma ho capito di poter esprimere le cose differentemente anche con il 3D”. 

Dopo la sua tappa al JIFF, Mad Sad Bad uscirà nelle sale coreane a partire dal 15 Maggio, distribuito dalla CJ Entertainment. 

Categorie generali: 

Facebook Comments Box