Ritratto di Pierre Hombrebueno
Autore Pierre Hombrebueno :: 1 Giugno 2015

Nuove tattiche di convivenza tra sale cinematografiche e piattaforme di streaming online. L'idea nasce dalla casa di produzione Palomar: ogni volta che guarderete un film online, parte del ricavato andrà alla sala più vicina

VOD

La gara tra sale cinematografiche e streaming online potrebbe aver finalmente trovato un trattato di pace: a negoziare è la casa di produzione Palomar, gestita da Carlo Degli Esposti, che ha pensato bene di tentare un nuovo esperimento, ovvero dare alla sala la gestione diretta degli streaming avvenuti entro un'area di 15km dal proprio cinema. In parole povere: quando deciderete di guardare un film a pagamento online, parte del guadagno andrà alla sala più vicina. L'idea prenderà finalmente il via con la prossima uscita Palomar, Una storia sbagliata di Gianluca Maria Tavarelli, che vanta un cast composto, tra gli altri, da Francesco Scianna e Isabella Ragonese.

La pellicola ha preso accordi con diverse venue e con la piattaforma streaming di Mymovies: ogni volta che uno spettatore visionerà il film in streaming al prezzo di 3,99 euro, il 40% (1,30 euro) verrà dato al cinema più vicino tra quelli che hanno aderito all'iniziativa. Sottolinea Tavarelli: “Dobbiamo trovare un modo nuovo per far vedere i film, nuovi canali per convogliare il pubblico sulle opere che hanno meno forza sul mercato”. 

Che cosa dire dell'iniziativa? Ci sembra senz'altro interessante, anche perché negli ultimi tempi si è scatenata una vera e propria faida tra i cinema e i nuovi canali digitali, che hanno cercato d'insabbiarsi a vicenda. La realtà delle cose va affrontata, ovvero che cresce sempre più il numero di spettatori che preferiscono vedersi comodamente il film in casa invece che uscire e recarsi in sala. Piuttosto che farsi la guerra a vicenda, dunque, tanto vale tentare di collaborare, in modo da guadagnarci entrambi. Chissà se la cosa possa funzionare, o se sia solamente questione di attimi prima che si riaccendano le polemiche? 

Ad aver ispirato Degli Esposti, dichiara, sono stati i ragazzi del Cinema America di Roma. “Sono stati loro a spiegarci nel modo più efficace che il cinema deve essere partecipato e il pubblico deve diventare protagonista, non solo fruitore”.

[Leggi anche: Quasi fatta per Netflix in Italia, lo streaming on demand entro fine anno]

Una storia sbagliata uscirà il 4 giugno, contemporaneamente in 60 sale sparse per tutto il territorio nazionale e in TvoD (Transactional Video On Demand). 

Tag: 

Categorie generali: 

Facebook Comments Box