Ritratto di Marco Rovaris
Autore Marco Rovaris :: 11 Ottobre 2014

Quali film guardare con la famiglia? Per non traumatizzare papà e mamma è meglio conservare per visioni private pellicole con scene di violenza, incesto, sesso, morte e uso di droga. Attenzione ai titoli famosi che nascondono potenziali traumi!

The Counselor

Gioiosa serata in famiglia davanti alla tv? Meglio stare attenti perché ci sono film famosi che è meglio non guardare quando si è tutti insieme o in cerca di una proiezione rilassante. C'è rischio che qualcosa vada di traverso di fronte a sequenze con violenza, sesso, droga, compulsione inaspettata e via dicendo. HitFix consiglia alcuni film che è meglio guardare da soli o tra amici, perché la famiglia è sacra... come insegna la dottrina!

THE COUNSELOR - IL PROCURATORE (The Counselor, 2013) - La prima sceneggiatura originale di Cormac McCarthy prende vita sul grande schermo grazie a Ridley Scott. Un cast stellare - tra gli altri Brad Pitt nella parte di un uomo che non sa rinunciare alla "femmina", Penelope Cruz e Michael Fassbender - illumina una regia abbastanza di maniera e dà vita a personaggi affascinanti. Sicuramente Cameron Diaz è il fiore all'occhiello del film, predatrice senza scrupoli di uomini ricchi, che si esibisce in un incontro ravvicinato con l'auto di Javier Bardem dal tasso erotico incalcolabile.

SHAME (2011) - Steve McQueen porta sullo schermo il problema della dipendenza da sesso, supportato dalla sublime interpretazione di Michael Fassbender. Il film non fa sconti e dall'inizio alla fine tratta senza remore di sesso, droga, masturbazione incontrollata, omosessualità e suicidio. Per la famiglia meglio Bodyguard con Kevin Costner.

LA VITA DI ADELE - CAPITOLI 1 & 2 (La Vie d'Adèle - Chapitres 1 & 2, 2013) - La discussa Palma d'Oro di Kechiche ha sbalordito per la grazia registica con cui viene descritta una storia d'amore tra due giovani ragazze, dalla nascita al tramonto. Una delle sequenze più note ritrae un rapporto sessuale di una lunghezza quasi estenuante, abbastanza spinto e che è stato definito "frammento di porno gratuito".

PRISONERS (2013) - Bellissima pellicola drammatica di Denis Villeneuve, che racconta il male nascosto nella provincia americana e il dolore infinito di un padre (Hugh Jackman) dopo il rapimento della figlia. Questi, dopo aver individuato il possibile colpevole, lo rapisce a sua volta e inizia a torturarlo. Una spirale di violenza e malessere davvero ben costruita.

[Ti può interessare: Un fascino osceno. Guerra e violenza nella letteratura e nel cinema]

SPRING BREAKERS - UNA VACANZA DA SBALLO (Spring Breakers, 2013) - Dal sottotitolo italiano sembrerebbe una commedia demenziale, ma il film di Korine è uno spaccato duro di droga, sesso e party sfrenati sull'orlo del baratro. Vanessa Hudgens, Ashley Benson, Selena Gomez e Rachel Korine sono perennemente in bikini, in balia di un James Franco in versione p.i.m.p. che gira con canne fumanti e sposta chili di droga. Hai voglia di fare uno spring break!

[Leggi anche: I film scandalo più impressionanti del terzo millennio tra sesso, violenza e droga]

SOLO DIO PERDONA (Only God Forgives, 2013) - Regia essenziale e quasi pop-art di Refn, che è andata però incontro allo scarso gradimento di pubblico e parte dela critica. A ritmo cadenzato si assiste a stupro di minorenni, spaccio di droga, violenza inaudta e rapporto incestuoso e morboso tra madre e figlio. Ryan Gosling piaceva di più prima alle ragazzine di buona famiglia.

[Leggi anche: Censura nei film: sesso e violenza hanno lo stesso valore?]

ANTICHRIST (2009) - Il titolo è, in effetti, un indizio sulla natura dell'opera, ma von Trier è pur sempre un autore da coltivare in compagnia. Ma è meglio non esagerare e conservare Antichrist per una visione alternativa: morte violenta di un figlio, sesso terapeutico, violenza, senso di colpa deteriore e istinto di morte. Per la famiglia si consiglia I Dieci Comandamenti.

Cameron Diaz - The Counselor

Categorie generali: 

Facebook Comments Box