Ritratto di Marco Rovaris
Autore Marco Rovaris :: 6 Novembre 2014

Nei dintorni di San Francisco prende vita il primo progetto porno realizzato con un drone: un cortometraggio sperimentale che esamina le dinamiche del voyeurismo, della privacy e della società della sorveglianza. "Drone Boning" è già un cult sul web

Drone Boning

Drone Boning passerà alla storia come il primo esperimento di porno ripreso dall'alto da un drone. Un'idea del genere non poteva che concretizzarsi a San Francisco, la città più emancipata del pianeta, dove la libertà sessuale incontra un'altissima soglia di tolleranza. Il semplice plot del film, in realtà un cortometraggio sperimentale, vede il drone vagare tra splendidi paesaggi californiani e riprendere, da una discreta distanza, rapporti sessuali di coppie apparentemente ignare.

In realtà i rapporti sono simulati, ma nessuno se ne potrebbe accorgere dal momento che il drone tende a planare a un certo livello sopra il mare, non consentendo di vedere ciò che nei porno classici si vede a distanza di pochi centimetri. Il progetto nasce dall'idea libertina "Fate i porno, non fate la guerra", adattata a docu-film dalla messa in scena abbastanza amatoriale e unita alla tematica della privacy dell'individuo, messa in discussione dalla società della sorveglianza e del controllo. Il tutto condito con un po' di sano voyeurismo alla Peeping Tom: infatti il lavoro nasceva come documento divertente su questi temi prima di evolversi su un piano artistico e concettuale.

Brandon LaGanke, uno dei filmmaker che hanno realizzato Drone Boning, spiega in sintesi che il piano era andare alla scoperta di bellissime lande e trovarvi delle coppie coinvolte in rapporti sessuali. Coppie miste, ovviamente: etero, gay e lesbiche si confondono nel paesaggio mentre copulano sulla spiaggia, sul tetto di una fattoria, sulle montagne, nella foresta, sul ciglio di una strada e in altre location.

[Leggi anche: Le migliori scene di sesso del cinema contemporaneo]

Ma non tutte le scene previste sono state girate. Una - tra le più forti - era pensata nel giardino di un quartiere residenziale, ma i registi hanno pensato bene di lasciar perdere visto che non è la prima volta che un drone viene abbattuto nella provincia americana da chi non gradisce lo sguardo invasivo nella propria intimità: la scena prevedeva la planata su un allegro barbecue, prima di scoprire, nel giardinetto adiacente, una coppia impegnata con il sesso. Sarebbe stata forse la scena più bella!

Sulla spiaggia, una signora con cane e bambino ha dovuto essere convinta dai registi circa l'effettivo obiettivo del progetto, dopo che due corpi nudi le si sono palesati davanti.

 

 

Categorie generali: 

Facebook Comments Box