Ritratto di Marco Rovaris
Autore Marco Rovaris :: 5 Febbraio 2015

Quali sono i ribelli più noti del cinema? Un viaggio all'interno dei film più famosi che hanno ritratto personaggi anticonformisti entrati nella storia. Tra gli autori di queste opere cult ci sono Milos Forman, David Fincher, Peter Weir e Sean Penn

Fight Club

Un viaggio hollywoodiano per conoscere gli eroi dell'anticonformismo del cinema. Chi sono i ribelli più ricordati del grande schermo? 

Avvia la prova gratuita su MUBI

Barfly (1987) - Uno dei personaggi di Charles Bukowski portato sullo schermo da un Mickey Rourke ingrassato e sfatto: Henry Chinaski vive in una stanza d'albergo lurida e passa il tempo a scrivere poesie e ubriacarsi, rifiutando qualsiasi tipo di integrazione in un sistema.

Cinque pezzi facili (1970) - Jack Nicholson e Karen Black in un dramma di Rafelson su un uomo dell'upper-class che molla gli agi e un futuro da brillante pianista per vivere senza meta, in umiltà, con la compagna cameriera.

Easy Rider (1969) - Manifesto della controcultura che apre le porte agli anni Settanta firmato Dennis Hopper, che percorre in moto l'America con Peter Fonda alla scoperta del vero spirito libero tra Los Angeles e New Orleans.

Into The Wild (2007) - Sean Penn racconta la storia vera del benestante laureato che si ribellò a un futuro da predestinato per viaggiare nella natura selvaggia lontano dalle comodità di casa, fino a incontrare la morte.

[Leggi anche: Fight Club 2, arriva il fumetto firmato ancora Chuck Palahniuk]

L'attimo fuggente (1989) - Il professor Keating insegna ai suoi studenti a usare la testa, contro le formalità e l'apparenza di un prestigioso college. Film di culto per le scuole, con Robin Williams in formissima. 

V per vendetta (2005) - V è il vendicatore mascherato che cerca di sabotare il sistema in un futuro distopico e minacciato dalla dittatura della società del controllo. Una maschera nasconde la sua identità, tra richiami a Orwell e rifiuto dell'omologazione.

Nick mano fredda (1967) - Un detenuto si rifiuta di sottostare alle regole di una prigione situata in campagna e ai lavori forzati. L'intero plot è costruito sui reiterati tentativi di Paul Newman, il protagonista, di fuggire dal campo di prigionia.

Harold e Maude (1971) - Relazione tra un giovane con manie di autodistruzione e restìo alla leva e agli obblighi impostigli dalla madre e una settantenne cinica. Scorrettezza politica possibile solo in quegli anni. 

Fight Club (1999) - Impiegato insonne trova in un venditore di saponette un socio per creare un'organizzazione underground che nasce per sfogare le frustrazioni e finisce con il diventare un polo nevralgico per sovvertire il sistema. Brad Pitt e Edward Norton dal grande romanzo di Chuck Palahniuk.

Qualcuno volò sul nido del cuculo (1975) - Un impertinente poco di buono, entrato in un istituto di igiene mentale, cerca di istigare i pazienti a ribellarsi ai metodi oppressivi della capo infermiera.

Gioventù bruciata (1955) - Non si può omettere il ribelle per eccellenza, James Dean, anche se, con il tempo, il film di Nicholas Ray non riesce a mantenere intatto il suo carattere sovversivo.

Categorie generali: 

Facebook Comments Box