Ritratto di Marco Rovaris
Autore Marco Rovaris :: 9 Novembre 2014

Fondazione Cineteca Italiana presenta - presso il MIC - un'importante serie di film nati dalla penna del grande Joseph Conrad, i cui scritti sono stati adattati da autori come Hitchcock e Coppola. Tra i film "Apocalypse Now" e "Il terzo uomo"

Apocalypse Now

Dal 14 al 16 novembre 2014 presso Spazio Oberdan e MIC - Museo Interattivo del Cinema, Fondazione Cineteca Italiana presenta CONRAD E IL MARE, I FILM, una rassegna ad ingresso libero in 10 film tratti da alcune delle più significative opere di Joseph Conrad. Nell’ambito degli appuntamenti di Book City Milano 2014, e in contemporanea con l’inaugurazione della mostra “Conrad e il mare” (Acquario Civico di Milano, 12 novembre 2014 – 29 marzo 2015), verrà presentata una rassegna di film tratti da opere di Joseph Conrad.

Polacco naturalizzato britannico, Conrad (1857-1924) è stato uno dei primi e maggiori interpreti della modernità. Claudio Magris lo ha definito: «uno scrittore classico che racconta la dissoluzione di ogni classicità e di ogni lineare nettezza in un labirinto in cui tutto si aggroviglia; un maestro che ha creato strutture narrative tortuose e complesse come la vita che raccontano. (…) Una specie di Kafka uscito all' aria aperta e al grande vento del mare, che aiuta a capire meglio anche l'aria viziata degli uffici kafkiani».

Inaugura la rassegna presso Spazio Oberdan venerdì 14 novembre alle ore 21 l’anteprima nazionale di Secret Sharer, il film ispirato al grande racconto di Joseph Conrad Il compagno segreto, alla presenza del regista Peter Fudakowski. “Da sfogliare” sul grande schermo poi Cuore di tenebra, “variazione sul tema” di Apocalypse Now, anch’esso in cartellone, I Duellanti di Ridley Scott, Sabotaggio (1936) di Alfred Hitchcock, L’agente segreto di Joseph Conrad di Chistopher Hampton con un cast d’eccezione, fra cui Bob Hoskins, Patricia Arquette, Gérard Depardieu, Robin Williams e Christian Bale.

[Leggi anche: Il Grande Quaderno: magico incontro tra cinema e letteratura]

E ancora Il terzo uomo di Carol Reed, un classico noir del cinema britannico che vede Orson Welles nel ruolo di Harry Lime; Lo straniero che venne dal mare, favola malinconica di Beeban Kidron; Lord Jim diretto da Richard Brooks, film di forte fascino figurativo che restituisce la complessità dell’omonimo romanzo di Conrad; Gabrielle di Patrice Chéreau, basato sul racconto Il ritorno, che indaga la deriva esistenziale di una coppia nella Francia della Belle époque, attraverso la magistrale interpretazione di Isabelle Huppert.

Categorie generali: 

Facebook Comments Box