Ritratto di Erika Favaro
Autore Erika Favaro :: 16 Febbraio 2016

“Volevo essere James Bond. E Federico rideva… rideva…”: verrà presentato alla Casa del Cinema il 17 febbraio il libro di Claudio Ciocca su Federico Fellini

Federico Fellini

Mercoledì 17 febbraio alle 17:30 presso la Casa del Cinema di Roma c’è un appuntamento con la storia del cinema italiano. Si tratta di un appuntamento prezioso e non convenzionale proprio perché protagonista dell’incontro sarà Claudio Ciocca, un signore che il cinema l’ha frequentato con entusiasmo ma mantenendo sempre un distacco necessario, che ora gli permette di raccontarlo con leggerezza e consapevolezza. L’oste romano diventato attore proprio grazie a Federico Fellini con cui strinse un’amicizia sincera e duratura, presenterà Volevo essere James Bond. E Federico rideva... rideva..., volume edito da Graus Editore in cui Ciocca ha raccolto memorie ed aneddoti in uno Zibaldone che racchiude una vita lunga e sorprendente.

Con l’autore saranno presenti anche Sergio Zavoli, Lina Wertmuller ed Ettore Nuara mentre la moderazione della serata è affidata a uno dei conduttori della celebre trasmissione radiofonica Hollywood Party, Enrico Magrelli.

“Claudio Ciocca è stato, tra gli amici di Federico, il più discreto e prezioso che io ricordi; del resto ricambiato abbondantemente dal grande regista, che ne aveva fatto una sorta di provvido rabdomante dei suoi umori, notoriamente mutevoli. Ciocca fu per Fellini più di un portafortuna, al punto di vedersi assegnare una funzione benefica qualunque fosse il bisogno quasi infantile di essere rassicurato. Si sono voluti bene, con la puntualità e l'allegria di due singolarissimi complici”. Lo descrive così Sergio Zavoli.

[Leggi anche: Giorgio Gosetti nuovo direttore della Casa del Cinema]

Un’occasione per conoscere aneddoti e curiosità di un’epoca non troppo lontana ma che sembra distante anni luce, perché il cinema è fatto anche di piccoli gesti, di persone che stanno al riparo dai grandi riflettori. “Attratto da sempre dal mondo del cinema e catturato da esso, ho lavorato in parecchi film nell’arco di quarant’anni.
Oggi, a distanza di qualche anno, con i capelli bianchi e lo spirito intatto da fanciullo, ho voluto provare a scrivere un libro di ricordi dedicato al mondo che più ho amato... Il Cinema”, così Claudio Ciocca ci ricorda come si possano avere più passioni e come in una volta sola si possano vivere più vite contemporaneamente.

Categorie generali: 

Facebook Comments Box