Ritratto di Pierre Hombrebueno
Autore Pierre Hombrebueno :: 9 Maggio 2015

Un bar ispirato al mondo creativo di Wes Anderson? Esiste, e ha appena aperto i battenti a Milano! "Credo che sarebbe un ottimo set, ma anche un bellissimo posto per scrivere un film", spiega il rinomato cineasta

Wes Anderson

Gioiscano i fan di Wes Andeson, soprattutto se di Milano e dintorni. Infatti, è stato appena inaugurato nel capoluogo lombardo il Bar Luce, proprietà della Fondazione Prada ma progettato proprio dal noto cineasta statunitense. Come potete ben immaginare, dunque, l'arredamento del Bar richiama molto fortemente l'estetica collaudata delle opere di Anderson, e in particolare il cortometraggio Castello Cavalcanti targato 2013: puro stile italiano anni '50 e '60, dai mobili di formica al pavimento, passando per i pannelli di legno impiallacciato che rivestono le pareti e la gamma cromatica. Dichiara inoltre la Fondazione che il luogo si sarebbe ispirato anche a due tra i film italiani più celebri della storia del cinema: Miracolo a Milano di Vittorio De Sica e Rocco e i suoi fratelli di Luchino Visconti. 

Dichiara il regista: “Non c’è una prospettiva ideale per questo spazio. Dal momento che è stato pensato per essere ‘vissuto’, dovrebbe avere molti posti comodi dove sedersi per conversare, leggere, mangiare, bere… Credo che sarebbe un ottimo set, ma anche un bellissimo posto per scrivere un film. Ho cercato di dare forma a un luogo in cui mi piacerebbe trascorrere i miei pomeriggi non cinematografici”. Dunque, aspettatevi pure un'invasione di hipster e appassionati cinefili in questo nuovo luogo già cult, oltre che cool. Il Bar Luce, aperto tutti i giorni dalle 9 alle 22, si trova in Largo Isarco 2, con possibilità di accesso anche da Via Orobia. 

[Leggi anche: Il porno se fosse girato da Wes Anderson: "The Grand Sausage Pizza"]

Sembrerebbe proprio che Anderson se la stia prendendo abbastanza comoda dopo l'enorme successo di Grand Budapest Hotel, presentato al Festival di Berlino 2014 prima di vincere il Golden Globe come Miglior Film Commedia e ben 4 Oscar. Evidentemente innamorato dell'Italia, il suo prossimo progetto potrebbe essere un'opera d'animazione in stop-motion ispirata a L'oro di Napoli di Vittorio De Sica, già definita dall'autore un progetto “vagamente avanguardistico nel concept, con tante cose che accadono tutte in una volta”. I suoi ammiratori staranno ormai fremendo di ansie epilettiche, ma per eventuali ulteriori dettagli, ci sarà ancora da aspettare un po'. 

Categorie generali: 

Facebook Comments Box