Ritratto di Erika Favaro
Autore Erika Favaro :: 15 Luglio 2016

La kermesse svizzera dedicherà uno spazio all’icona degli anni sessanta

Jane Birkin

Continuano ad arrivare grandi notizie da quel di Locarno dove, dal 3 al 13 agosto, è in programma uno dei più importanti festival del cinema d’autore a livello mondiale.

Questo tipo di manifestazioni sono fondamentali per scovare nuovi talenti, ma sono anche un’occasione per celebrare il cinema tout court, vecchi e giovani stelle della settima arte. Ad essere omaggiata quest’anno al Festival del film di Locarno ci sarà anche Jane Birkin, l’attrice e cantante britannica che è stata una delle icone più affascinanti degli anni sessanta.

Dopo aver mosso i primi passi nel mondo dei musical e del teatro negli anni della swinging London, la Birkin ha poi esordito al cinema grazie a Blow-Up di Michelangelo Antonioni, film in cui interpreta la fotomodella che l’ha portata all’attenzione del mondo. I registi con cui ha collaborato non hanno certo bisogno di presentazioni: Jacques Rivette, Jean-Luc Godard, Agnes Varda e Alain Resnais sono solo alcuni dei nomi con cui l’attrice ha collaborato.

La donna è anche famosissima per il suo duetto cantato con il marito Serge Gainsbourg, Je t’aime… moi non plus, canzone che nel 1969 infiammò gli animi di chiunque.

[Leggi anche: Charlotte Gainsbourg è in trattativa per entrare nel cast di "The Snowman"]

Locarno le renderà omaggio proiettando un cortometraggio del 2016 in cui lei figura come protagonista (La femme et le TGV del giovane talento svizzero Timo von Gunten), sarà anche l’occasione per rivedere il suo Boxe in cui la Birkin è impegnata come regista e attrice accanto a Geraldine Chaplin e Michel Piccoli. In programma inoltre ci sarà anche il dramma sull’incesto La fille prodigue che nel 1981 venne diretto dal suo secondo marito Jacques Doillon.

È un buon periodo per la Birkin considerando che qualche mese fa la sua carriera era stata celebrata anche dalla New York’s Film Society. Jane and Charlotte Forever: così si chiamava la retrospettiva statunitense in cui si ripercorrevano le tappe più importanti anche della figlia Charlotte, una delle più interessanti attrici francesi da qualche anno a questa parte. 

Categorie generali: 

Facebook Comments Box