Ritratto di Marco Rovaris
Autore Marco Rovaris :: 9 Gennaio 2015

A 84 anni se ne è andato un altro volto noto del cinema americano che aveva caratterizzato l'epoca d'oro di Hollywood: Rod Taylor iniziò negli anni '50 e trovò la fama grazie a film come "Gli uccelli", "Il gigante" e "L'uomo che visse nel futuro"

Rod Taylor

Stroncato da un arresto cardiaco proprio poco prima del suo ottantacinquesimo compleanno, Rod Taylor si è spento e con lui la sua stella di Hollywood: l'attore non era mai stato tra i top della gamma, ma vantava un'esperienza lunghissima nel cinema americano fin dagli anni Cinquanta e la sua ultima apparizione risale a tempi recenti, in Bastardi senza gloria di Quentin Tarantino. 

Avvia la prova gratuita su MUBI

Il suo primo ruolo a Hollywood risale al 1951, da quel momento in poi la sua presenza ha segnato tantissime produzioni, ora come comprimario ora come protagonista. Il pubblico lo ricorda di certo per il suo ruolo nel thriller di Alfred Hitchcock Gli uccelli, così come nel futuristico L'uomo che visse nel futuro, dove si sposta sulla timeline grazie a una speciale macchina del tempo. 

Taylor figurava anche tra gli intepreti di successi come L'albero della vita e Il gigante, a fianco di Rock Hudson e James Dean e, nonostante la compostezza e la presenza scenica, non fu mai in grado di diventare una prima scelta per le case di produzione, ai tempi comunque oberate da contratti impegnativi con i molti volti grossi americani. 

[Leggi anche: I migliori film del maestro del brivido, Sir Alfred Hitchcock]

E ancora, La regina delle amazzoni, Tutte le ragazze lo sanno, I contrabbandieri del cielo, fino allo storico doppiaggio nel 1961 del dalmata Pongo in La carica dei 101 della Disney, un enorme successo di animazione. Interpretò il flagello dei mari Francis Drake in Il dominatore dei 7 mari e fu tra i protagonisti di La mia spia di mezzanotte e La veglia delle aquile.

Tra le numerose serie tv alle quali prese parte, si ricorda anche la partecipazione al film d'autore di Antonioni Zabriskie Point. Negli anni Settanta le apparizioni nel cinema si fanno più rade e aumentano le comparsate nelle serie tv, fino al già citato film bellico di Tarantino, preceduto dall'eco-vengeance Kaw - L'attacco dei corvi imperiali

Taylor, nato a Sidney, decise di diventare un attore dopo aver visto recitare Laurence Olivier in un tour di produzione in Australia. Dopo un'iniziale esperienza di teatro e di cinema in patria, alla metà degli anni cinquanta raggiunse Hollywood ed ebbe il suo primo ruolo di un certo rilievo nel film storico Il favorito della grande regina nel 1955, al fianco di Bette Davis.

L'uomo che visse nel futuro

Categorie generali: 

Facebook Comments Box