Ritratto di Simona Carradori
Autore Simona Carradori :: 18 Ottobre 2016

L'attrice - intervistata da "ETonline" - ha parlato della sua seconda gravidanza, dei figli e della possibilità di vincere di nuovo l'Oscar per la sua interpretazione in "Jackie"

Jackie

C'è aria di Oscar quest'anno per Natalie Portman, la quale - almeno stando alle voci di corridoio - sembrerebbe essere tra le favorite per il premio come Miglior Attrice Protagonista, grazie alla sua magistrale interpretazione nel biopic Jackie, in cui veste i panni della First Lady Jackie Kennedy.

Intervistata da Nischelle Turner di ETonline, Natalie ha rivelato di sentirsi piuttosto ottimista riguardo il film; non solo perché è stato accolto molto positivamente dalla critica, ma anche per una serie di questioni personali, per le quali ammette di considerarsi molto superstiziosa. 

All'attrice è stato ricordato infatti che quando vinse l'Oscar nel 2011 - per la sua interpretazione nel film Black Swan - era incinta del suo primo figlio Aleph, mentre oggi - che si trova a concorrere per lo stesso titolo - sta aspettando il suo secondogenito.

"Penso che i figli portino fortuna nella vita. Sono le cose migliori. I più grandi miracoli. Non dico che siano necessariamente connessi all'Oscar, ma sono certamente una gioia".

Dopo aver raccontato dei brevi frammenti di vita privata, l'attrice ha parlato delle sue impressioni sul film e di come si è preparata per interpretare la First Lady che fu moglie del presidente Kennedy: "Ho guardato diverse interviste con Jackie, ed un tour della Casa Bianca che lei stessa presentò in uno speciale televisivo andato in onda nel 1962. Nonostante fosse la First Lady, lei sembrava fuggire sempre dai riflettori. La gente non capisce cos'è la fama finché non la vive, ed è un'esperienza molto diversa, naturalmente, da come sembra da fuori".

L'attrice interpreta Jackie Kennedy in un ritratto dei suoi giorni trascorsi alla Casa Bianca e in quelli successivi all'assassinio di John F. Kennedy, e ha dichiarato di apprezzare il film proprio perchèé non cerca solo di idolatrare l'ex First Lady, ma di ritrarla per quello che era, nel bene e nel male: "Il film non vuole elogiarla, non cerca di dirvi cosa dovreste pensare di lei. Vuole solo raccontarvi la storia di un essere umano nei suoi differenti aspetti, lasciando anche un po' di mistero sulla sua persona".

Jackie debutterà nelle sale statunitensi il 2 dicembre.

  

Categorie generali: 

Facebook Comments Box