Ritratto di Marco Rovaris
Autore Marco Rovaris :: 21 Ottobre 2014

Peter Venkman potrebbe tornare in un piccolo ruolo, ma solo se lo script sarà una bomba come quello concepito più di vent'anni fa da Dan Aykroyd e Harold Ramis. Murray, per il nuovo "Ghostbusters" al femminile, consiglia Emma Stone e Melissa McCarthy

Bill Murray - Ghostbusters

Si sa che Paul Feig sta lavorando allo script di un reboot/sequel della serie Ghostbusters per Sony Pictures... e Bill Murray? Quello che è certo è che il beniamino non potrà essere uno dei protagonisti perché questi saranno donne, ma questo non vuol dire che l'attore di Ricomincio da capo non possa prendere parte al progetto in un ruolo minore. Lo studio, in verità, pare stia facendo di tutto per includere Murray anche solo in un cameo, ma la vera sfida sarà convincerlo ad accettare, dopo che il buon Bill ha declinato a ripetizione le proposte di un terzo film nel corso degli anni.

Murray ha parlato a Variety in un'intervista per una cover story: "Lo studio sta davvero impazzendo a riguardo; quello che hanno intenzione di fare è resuscitare un franchise. Il primo film fu davvero spettacolare, uno dei film migliori di sempre. Il secondo aveva qualche spunto, c'è qualche buona scena al suo interno". Murray è uno dei pochi a Hollywood che non può essere comprato: molti cercano di corteggiarlo assicurandogli una ricchezza immediata, ma lui semplicemente si guarda l'orologio di plastica e dice: "Sono a posto. Non lo guardo, ma va tutto bene". Il solito Bill, insomma, che, con l'indimenticabile ruolo di Peter Venkman, è rimasto l'acchiappafantasmi preferito tra i quattro. E pensare che nelle intenzioni iniziali di Aykroyd i protagonisti dovevano essere Eddie Murphy, John Belushi e John Candy: il primo si affiliò alla saga di Beverly Hills Cop, gli altri due andarono invece incontro alla morte.

Uno script che Murray rifiutò in passato prevedeva che il personaggio di Venkman morisse per poi tornare sotto forma di fantasma: un'idea divertente e pazza, ma costruita non abbastanza bene per convincerlo. Sony era già pronta a produrre il progetto, così come Ivan Reitman - regista dei primi due - provò a trascinarci dentro Murray, ma si dovette rassegnare all'idea che l'attore non ne voleva sapere; il suo obiettivo era prendere ruoli minori per non sentire il peso del leading man.

[Leggi anche: Dan Aykroyd parla del futuro di Ghostbusters - Acchiappafantasmi]

Niente è impossibile, comunque. L'attore ha dichiarato che ci sono possibilità di tornare se l'idea dello script sarà buona. Bisognerà vedere cosa riusciranno a costruire Paul Feig e Katie Dippold (The Heat); del resto Murray ricorda che nei primi anni '80 Aykroyd e Harold Ramis - autori della sceneggiatura - erano nitroglicerina pura, condizione ideale per creare un capolavoro. Tra i nomi che il consumato comico consiglia per le protagoniste ci sono quelli di Emma Stone e Melissa McCarthy.

Categorie generali: 

Facebook Comments Box