Ritratto di Pierre Hombrebueno
Autore Pierre Hombrebueno :: 4 Giugno 2015

Bersagliato dagli spettatori per aver ingaggiato Emma Stone nel ruolo di una donna semi-asiatica, Cameron Crowe prova a difendere la propria scelta e il suo ultimo film, "Aloha", che in Italia arriverà col titolo "Sotto il cielo delle Hawaii"

Cameron Crowe

Piovono critiche sul nuovo film di Cameron Crowe, Aloha (che da noi arriverà col titolo Sotto il cielo delle Hawaii), bersagliato dal popolo web per aver ingaggiato Emma Stone nel ruolo di Allison Ng, la cui particolarità è quella di essere in parte asiatica. Ovviamente, come ben sappiamo, la bella diva di “The Amazing Spiderman” e “Birdman” non ha proprio nulla di asiatico, motivo per cui diversi utenti se la sono presa con la pellicola.

Ora il regista prova a difendersi sul suo blog Uncool, spiegando i motivi della sua scelta: “Ho sentito le vostre parole e le vostre delusioni, e offro le mie più sentite scuse a chiunque pensi che sia una scelta di casting sbagliata o stramba. Fin dal 2007, abbiamo scritto il personaggio di Allison Ng come una donna super-orgogliosa di essere per un quarto hawaiana, frustrata però di non assomigliarci per nulla. Inizialmente doveva apparire anche un padre mezzo cinese per sottolineare il mix di culture. Estremamente orgogliosa del suo insolito retaggio, Allison si sente spesso obbligata a spiegarlo con esagerazione ogni qualvolta ne abbia la possibilità. Il personaggio è basato su una donna realmente esistita che faceva esattamente così”.

L'autore di Jerry Maguire e Quasi famosi ha poi sottolineato quanto sia fiero che la produzione abbia ingaggiato molti hawaiani nella crew, così come molti attori locali. Peccato che questo non sia bastato per distogliere gli occhi dalla Stone, la semi-asiatica meno credibile del panorama: “Se qualcosa della sua caratterizzazione ha causato sbigottamento e controversie, la colpa è solamente mia” - prosegue Crowe.

Arrivato nelle sale statunitensi pochi giorni fa, Aloha ha già raccolto una pioggia di recensioni negative. Per Variety trattasi di un film “senza equilibrio, impacciato e quasi incomprensibile”, mentre indieWIRE ha sottolineato come la sceneggiatura appaia amatoriale e i personaggi definiti solo in maniera vaga. 

[Leggi anche: Ryan Gosling ed Emma Stone in "La La Land" di Damien Chazelle?]

Una cosa che spezza il cuore, dato che Crowe è decisamente uno dei registi più amati dalla nostra redazone. Avrà il medesimo trattamento anche dalla critica italiana? Lo scopriremo quando arriverà nei cinema il 15 ottobre.

Categorie generali: 

Facebook Comments Box