Ritratto di Pierre Hombrebueno
Autore Pierre Hombrebueno :: 16 Febbraio 2016

Tra i film più attesi del Festival di Berlino 2016 (attualmente in corso fino al 21 febbraio), figura sicuramente "A Lullaby to the Sorrowful Mystery", nuova opera dell'acclamato autore filippino Lav Diaz. Eccone il trailer

Lav Diaz

Tra i film più attesi del Festival di Berlino 2016 (attualmente in corso fino al 21 febbraio), figura sicuramente A Lullaby to the Sorrowful Mystery, nuova opera dell'acclamato autore filippino Lav Diaz, particolarmente noto al circuito per la lunghissima durata delle sue pellicole, e basti pensare a Melancholia (7 ore e 30 minuti) o Death in the Land of Encantos (9 ore). Non è da meno questa sua ultima pellicola, che immergerà i cinefili berlinesi in ben 485 minuti di esperienza audiovisiva. 

Al centro della narrazione, uno dei personaggi storici più importanti della Storia filippina, Andres Bonifacio, padre della rivoluzione che avrebbe espulso i colonizzatori spagnoli dal paese. Chi conosce il cinema di Diaz, però, saprà benissimo che non si tratterà di un usuale biopic, bensì di una riflessione esistenziale che tra squarci sociali e astrattezza narrativa, garantirà un nuovo imprescindibile viaggio nelle viscere delle immagini in movimento. 

Nel cast, due tra i più noti divi di Manila e dintorni, Piolo Pascual (Milan, On the Job) e John Lloyd Cruz (Honor thy Father, One More Chance), affiancati per l'occasione da Hazel Orencio, Alessandra De Rossi e Joel Sarancho. Come reagirà la giuria capitanata da Meryl Streep e composta da Alba Rohrwacher, Clive Owen, Lars Eidinger, Nick James, Brigitte Lacomb e Malgorzata Szumowska? Di certo, vincere l'Orso d'oro non sarà facile, essendo in gara altri rinomati autori come Mia Hansen-Love (L'avenir), Thomas Vinterberg (Kollektivet) e André Téchiné (Quando on a 17 ans). 

[Leggi anche: Da "Sátántangó" a "Love Exposure": i migliori film dalla durata superiore alle 3 ore]

Ricordiamo che il precedente lavoro di Diaz, From What is Before, vinse il Pardo d'oro a Locarno 2014. 

Categorie generali: 

Facebook Comments Box