Ritratto di Pierre Hombrebueno
Autore Pierre Hombrebueno :: 17 Giugno 2014

Non aprite quella porta, capolavoro horror di Tobe Hooper, ritorna nelle sale per festeggiare il suo 40° anniversario. La pellicola è stata restaurata, e il regista dichiara che questa versione è in assoluto la migliore ad oggi. Ecco il trailer

Non aprite quella porta di Tobe Hooper, capolavoro horror del 1974 ora in versione restaurata per il suo 40° anniversario

Uscito il trailer della versione restaurata di Non aprite quella porta, capolavoro horror di Tobe Hooper pronto a ritornare in tutto il suo brutale splendore per festeggiare 40 anni della propria esistenza. A dare una mano per il restauro è stato lo stesso regista, che ha dichiarato: “Non vedo Non aprite quella porta sul grande schermo da tanti tantissimi anni. Questo restauro per il 40° anniversario è assolutamente la miglior versione del film ad oggi, i colori e la limpidezza sono spettacolari, mostrando dettagli visivi sulla pellicola che non erano percettibili precedentemente”. 

La storia è ovviamente nota e risaputa. Un gruppo di ragazzi texani on the road per una vacanza, che poi si trasformerà in un violetissimo massacro per mano di una famiglia composta da freak impazziti, a cominciare dal terribile Leatherface, faccia di cuoio, destinato poi ad essere uno dei killer seriali più famosi della storia del cinema. Il film fu prodotto con un misero budget di 83.000 dollari, dimostrando che in un genere come lo slasher più aggressivo, a contare non sono i soldi bensì le abilità registiche e le idee malsane. A premiare la pellicola è il pubblico americano, che le fa guadagnare la bellezza di 30 milioni, rendendola uno dei film indie più proficui della storia.

Sequel, remake e reboot non si contano praticamente più: il film è decisamente entrato nell'immaginario cinefilo collettivo, soprattutto grazie al carisma impazzito di Leatherface, capace di suscitare notti e notti di incubi a causa della sua famigerata motosega. Tutti lo citano, dalle parodie (Scary Movie 3, Horror Movie, ecc.) ai fumetti (Dylan Dog n°18, Cagliostro), passando per i musicisti (La canzone Chainsaw nell'album di debutto dei Ramones, senza contare la band Mortician), le serie tv (Supernatural S01E11) e i videogiochi (Resident Evil 4, ObsCure II). Insomma, un autentico puzzle citazionistico transmediale, che è poi il motivo principale per cui è pronto a ritornare nuovamente nelle sale dopo 40 anni. 

Oltre agli innumerevoli fan, a gioirne maggiormente è ovviamente Tobe Hooper, che nel corso della propria carriera non riuscirà più a eguagliare il successo della pellicola. Il suo ultimo film è Djinn, horror girato negli Emirati Arabi uscito in pochissimi territori del mondo. Che l'anniversario di Non aprite quella porta possa dare la necessaria vibrazione per un ritorno in grande stile, seppur attualmente non abbiamo notizie di una distribuzione italiana per il restauro.

 

 

 

 

 

 

Introduzione alla versione restaurata di TEXAS CHAINSAW MASSACRE alla Quinzaine des Réalisateurs a Cannes

Categorie generali: 

Facebook Comments Box