Ritratto di Pierre Hombrebueno
Autore Pierre Hombrebueno :: 27 Giugno 2014

Neuchâtel International Fantastic Film Festival (4 – 12 Luglio 2014). Tra gli ospiti, il padre di Game of Thrones George R.R. Martin e Kevin Smith. Prevista inoltre la proiezione di White Bird in a Blizzard, nuovo film di quel genio di Gregg Araki

Wolfcop di Lowell Dean, tra i film attesi al Neuchatel International Fantastic Film Festival 2014

Sempre ghiotta di sorprese e meraviglie il programma del Neuchâtel International Fantastic Film Festival (4 – 12 Luglio 2014), l'evento europeo più importante, assieme a Sitges, per quanto riguarda il cinema di genere. Ospite d'eccezione è George R. R. Martin, padre del celeberrimo Game of Thrones, colui che ha il potere di decidere le sorti di Westeros, chi dovrà  morire e chi sopravvivere. Nella località svizzera anche Kevin Smith (Clerks - Commessi), che verrà insignito di un premio speciale.

In cima alle anteprime più attese dalla nostra redazione c'è sicuramente White Bird in a Blizzard, ultima opera di quel genio di Gregg Araki (Doom Generation, Kaboom), da sempre uno dei registi più cool dell'universo, assolutamente rock and roll e irrimediabilmente apocalittico: nel cast, 3 donne come Shailene Woodley (una delle attrici più lanciate del momento, già nella saga di Divergent e tra qualche mese in Colpa delle stelle, che negli U.S.A ha sbancato il box office), Eva Green (Sin City - Una donna per cui uccidere) e Angela Bassett (American Horror Story: Coven). La pellicola parlerà di una giovane ragazza la cui vita viene buttata nel caos dopo la scomparsa della propria madre: noi ci aspettiamo il delirio esistenziale. 

Altre bombe pronte ad essere lanciate a Neuchâtel comprendono l'action iperbolico The Raid 2 (Gareth Evans), la commedia yakuza The Mole Song: Undercover Agent Reiji (Takashi Miike), l'orrore mostruoso di Alleluia (Fabrice Du Welz), la fantascienza videoartistica di Under the skin (Jonathan Glazer), il futuro distopico di The Zero Theorem (Terry Gilliam) e tantissima altra roba (e quando diciamo tantissima, intendiamo veramente tantissima, da poliziotti lupi mannari a kung fu movie filippini, passando per splatter indonesiani e bambini seviziatori). Tre i titoli per rappresentare l'Italia: La Santa di Cosimo Alemà, Controra di Rossella De Venuto, e il documentario i Tarantiniani della coppia Maurizio Tedesco / Steve Della Casa.

80 i lungometraggi totali che verranno mostrati nell'arco di 8 giorni, tra cui molte pellicole invisibili che farebbero la gioia di qualsiasi cinefilo in cerca di novità e sorprese, senza contare i numerosi eventi collaterali, tra cui una conferenza sulle serie tv e un'altra sul futuro degli effetti digitali. Insomma, un'autentica festa: obbligatorio esserci. 

Per il programma completo: http://www.nifff.ch/

Il trailer di White Girl in a Blizzard, nuovo attesissimo film di Gregg Araki

Categorie generali: 

Facebook Comments Box