Ritratto di Pierre Hombrebueno
Autore Pierre Hombrebueno :: 22 Aprile 2015

Dopo le precedenti dichiarazioni di Richard Linklater e di Ellar Coltane, anche Ethan Hawke dice la sua sull'eventualità di un sequel di "Boyhood", tra i film più amati della stagione. Insomma, si farà o no?

Ethan Hawke

Un sequel per Boyhood di Richard Linklater? Da non escludere, dato il suo grande successo: una media di 10 (il voto massimo) dalla critica americana, un guadagno di oltre 40 milioni di dollari di fronte ad un budget di 4, e una pioggia di premi che comprende un Oscar (Miglior Attrice Non Protagonista a Patricia Arquette), tre Golden Globe (tra cui Film e Regia dell'anno) e l'Orso d'argento al Festival di Berlino. Poi, la dichiarazione di Linklater risalente allo scorso Febbraio: “Sapete, i vent'anni sono parecchio formativi”. 

Ora a dire la sua in proposito è Ethan Hawke, che rivela così durante un'intervista a Collider: “No. Credo che Boyhood sia così unico e il motivo per cui funziona è che ha effettivamente un inizio, una parte di mezzo e un finale. Tutti noi americani capiamo il periodo dalla prima elementare alla fine delle superiori. Ed è quel momento unico della nostra vita dove siamo tutti sulla stessa giostra, e poi le scuole superiori finiscono e veniamo sparati verso la nostra vita”. Insomma, sembrerebbe proprio che al momento Hawke non abbia aggiornamenti su un eventuale seguito di Boyhood, per quanto alla fine sottolinei come Linklater sia sempre comunque una fonte di sorprese: “Lui farebbe qualsiasi cosa. È sempre molto aperto a tutto”. 

Per ora, dunque, niente rivelazioni o annunci ufficiali, nonostante sia stato lo stesso protagonista Ellar Coltrane ad alimentare le speranze dei fan in un'intervista rilasciata lo scorso febbraio. “Credo che ci stiamo tutti pentendo di esserci fermati – rivelava l'attore su The Big Issue – Abbiamo amato così tanto lavorare insieme, quindi posso dire certamente che gran parte delle persone coinvolte vorrebbe andare avanti”. 

In caso, non sarebbe comunque la prima volta che Linklater realizza un sequel, e basti pensare alla trilogia sentimentale di Before SunriseBefore Sunset Before Midnight. Certo, per un eventuale sequel di Boyhood ci vorrebbero almeno altri 10 anni per dare giustizia al film originale, e quindi le cose si fanno giusto un po' più complicate. Ma chissà... mai dire mai.

[Leggi anche: "Boyhood" di Richard Linklater: la crew spiega il complesso processo di post-produzione]

Nel frattempo, ricordiamo che è già in post-produzione la nuova opera di Linklater, That's What I'm Talking About, una commedia con protagonisti dei giocatori di baseball che dovrebbe arrivare nelle sale statunitensi entro la fine dell'anno. 

Categorie generali: 

Facebook Comments Box