Ritratto di Enrico Bulleri
Autore Enrico Bulleri :: 6 Giugno 2018
"Agente Speciale Kiki Camarena - Sfida ai Narcos" (1990), Brian Gibson, Michael Mann, Richard Brams

Recensione di "Agente Speciale Kiki Camarena - Sfida ai Narcos"

Locandina "Agente Speciale Kiki Camarena - Sfida ai Narcos" (Drug Wars: The Camarena Story)(Miniserie)(Usa 1990), Brian Gibson, Michael Mann vhs Warner Home Video, italian h.v., 1990

Recensione della prima parte della miniserie "Drug Wars II: The Cocaine Cartel", ovvero "Agente Speciale Kiki Camarena Sfida ai Narcos" (Drug Wars: The Camarena Story), la serie tv prodotta da Michael Mann e Richard Brams, che ha codificato il genere

Questa è una guerra mortale all'America, che egli non può vincere.

Frase di lancio originale della miniserie

“Agente speciale Kiki Camarena – Sfida ai Narcos” (nel titolo italiano) ovvero “Drug Wars Part 1- The Kiki Camarena Story”, è la miniserie chiave per tutte quelle che verranno a seguire nel decennio dei novanta, incentrate sulle vicende del narcotraffico in Messico e in Colombia. La "guerra alla droga" degli Stati Uniti fu dichiarata per la prima volta dal presidente Richard Nixon nei primi anni '70. L'attuale e sempre perpetuata crisi della droga fornisce un'ampia prova che questa particolare guerra è stata un fallimento colossale. Le ragioni vanno dagli osceni profitti e dalla corruzione diffusa, agli interessi nazionali e alle manovre geopolitiche.
Una parte storicamente molto importante di questa incancrenita situazione, fu drammatizzata in questa prima parte di una memorabile miniserie televisiva dallo stile tentacolare e fiammeggiante delle produzioni di Michael Mann e Richard Brams, una narrazione potente intitolata appunto "Drug Wars: The Camarena Story”.

Presentata per la prima volta in una edizione da sei ore complessive dalla NBC il 7 gennaio 1990 alle 21, e continuata per tre serate. La sceneggiatura è basata sul libro "Desperadoes" di Elaine Shannon, un giornalista della rivista Time e una veterana tra gli osservatori della scena della droga. Il suo atteggiamento di base si riflette nel sottotitolo di copertina: '' Latin Drug Lords, US Lawmen e the War America Can not Win. ''
 
Mentre il libro copre una vasta area geografica, dal Guatemala alla Colombia e a Panama, l'adattamento televisivo si concentra sul Messico e il rapimento e l'omicidio nel 1985 di Enrique (Kiki) Camarena, un agente speciale dell'amministrazione per il contrasto alle droghe degli Stati Uniti, con sede a Guadalajara. Ed è anche uno spaccato delle indagini condotte dalle autorità messicane e americane successivamente, e di come i funzionari della DEA abbiano condotto la loro campagna, nella stampa e per le strade, per trovare gli assassini di Camarena. La storia televisiva è raccontata, con ostentata partecipazione, dal punto di vista dell'agenzia per la repressione del narcotraffico.

È una storia complicata, con un enorme cast di personaggi. Non meno di quattro sceneggiatori hanno scritto insieme la sceneggiatura: Christopher Canaan, Mel Frohman, Ann Powell e Rose Schacht. Il regista Brian Gibson ('' Gli assassini tra noi: la storia di Simon Wiesenthal'') riesce a mantenere un ritmo incessante mentre l'ambientazione cambia tra Washington e il Messico, e anche tra varie località del Messico (le riprese furono però fatte in Spagna). Sullo schermo la grafica viene spesso utilizzata per identificare i numerosi personaggi chiave. La confusione è forse inevitabile, specialmente nelle prime due ore, ma il centro, la storia di Camarena, regge egregiamente.

Il produttore esecutivo è ovviamente Michael Mann, i cui programmi televisivi d'azione prima di questa sua prima miniserie incentrata sui narcos, già allora comprendevano la scrittura di vari  episodi di "Starsky & Hutch" e "Police Story" negli anni '70 e che, negli anni ottanta, fu il produttore esecutivo di "Miami Vice '' e di ''Crime Story". ''Miami Vice'' è stata una serie storica in vari modi. Sotto l'appariscenza della musica rock e degli abiti e le auto alla moda di Sonny Crockett/Don Johnson e Rico Tubbs/Philip Michael Thomas, molti episodi erano infatti già notevolmente in sintonia con la realtà della cronaca di Miami in quel decennio, importantissimo crocevia del narcotraffico.
Una connessione tra i profitti della droga e il finanziamento delle trame americane per rovesciare i sandinisti fu trovata da Camarena molto tempo prima che la Casa Bianca venisse pubblicamente coinvolta nello scandalo Iran- Contras. E in "Camarena", Mann continua a narrare la storia della droga senza le distrazioni derivanti dallo sfarzo post-moderno del suo stile di allora, mutuato dai videoclip dell'epoca di MTV.

Essendo essenzialmente un docu-drama, completato dalle notizie lanciate al telegiornale da Tom Brokaw, ci sono gli inevitabili aggiustamenti compiuti alla sfocata voce delle licenze drammatiche. Alcuni eventi sono stati infatti ridotti. I personaggi principali, principalmente tra gli americani, sono abbastanza compositi. Tra questi ci sono Harley Steinmetz (Craig T. Nelson), il capo di Camarena e amico intimo, la cui rabbia e determinazione fa andare avanti le indagini; Ray Carson (Treat Williams), un poliziotto di New York inviato a Guadalajara per dirigere una speciale task force che persegue gli assassini, e Tony Riva (Miguel Ferrer), un agente speciale già a Guadalajara, tutti basati sulle storie di quattro reali agenti.

La figura di Camarena - dipinta con passione da Steven Bauer - è ovviamente reale. Elizabeth Pena, interpretando sua moglie, Mika, si riduce ad essere un espediente per includere l'angolo di visuale femminile in una storia monopolizzata dagli uomini. Continuando a saltar fuori periodicamente per dire cose come: '' Sposi un poliziotto, devi condividerlo con la feccia della terra.''

In termini di perfetta rilettura degli avvenimenti, in breve, la produzione potrebbe essere facilmente criticata. Ma considerandola come una visione chiaramente adattata per esigenze drammatiche e finzionali - della DEA – e delle guerre alla droga, "Camarena" è straordinariamente convincente nei suoi dettagli visivi e negli snodi narrativi Gli agenti della DEA certo non sono neppure raffigurati come santi. Alcuni bevono troppo e c'è una preoccupante ma inevitabile tendenza al “vigilantismo”, nell'ignorare le leggi più inopportune e inutili, nel contrastare un esercito criminale dall'immenso ed enorme potere economico e militare, oltre che della corruzione politica endemica e ai più alti livelli. Ma per la maggior parte sono visti come uomini dedicati a fare un lavoro che comporta quasi esclusivamente frustrazioni piccole e grandi, quasi mai riconosciute.

A Washington, i capi della DEA che vogliono risolvere il caso Camarena si sentono ricordare dai principali funzionari dell'amministrazione Reagan che “il Messico è il nostro terzo partner commerciale ed è "politicamente importante nei confronti di Cuba e Nicaragua". L'agenzia potrebbe addebitare ad esso ben due tonnellate di eroina che stanno arrivando negli Stati Uniti ogni settimana, terminale ultimo di grandi spedizioni del cartello di Medellin, ma tutto ciò che ottengono in risposta è  una campagna "basta dire no", lunga a parole, ma corta di finanziamenti.

I livelli di corruzione messicana presentati allo spettatore in "Camarena" sono sconcertanti, estendendosi dalla polizia per le strade ai più alti livelli di governo. I funzionari di ogni livello vengono mostrati impegnati a ostacolare sfacciatamente l'indagine Camarena. I trafficanti di droga sorridono e persino sputano impunemente contro gli agenti della DEA. Forse e non sorprendentemente, questi imprenditori dell'amoralità forniscono alcuni dei ruoli più succosi del film. Particolarmente efficace è Benicio del Toro nei panni del giovane, analfabeta e tracotante Rafael Caro-Quintero, che ha una sofisticata logica per la sua cattiveria: ''Quei bastardi di El Norte hanno scelto il mio popolo per pulire i loro cessi. Ora restituisco il favore. Prendiamo i loro soldi e un po' della loro anima".

La miniserie ci spiega, molto più vividamente della maggior parte delle notizie sparse sul web e nei tanti libri, anche se il caso dell'uccisione di Camarena è oramai formalmente risolto con la cattura di quasi tutti i mandanti ed esecutori materiali, perché ancora la DEA non può e non potrebbe, smettere di operare in Messico.

historia de camarena 1-3
historia de camarena 2-3
historia de camarena 3-3
1990 - "Drug Wars: The Camarena Story / A Guerra Das Drogas"

Voto della redazione: 

4

Facebook Comments Box