Ritratto di Camilla Maccaferri
Autore Camilla Maccaferri :: 15 Dicembre 2014
Locandina Big Hero 6

Recensione di Big Hero 6 di Don Hall e Chris Williams. Il connubio Disney-Marvel stavolta funziona poco, dando vita a un prodotto confuso e spento

Natale si avvicina e, oltre a prepararci a rivedere Una poltrona per due e Mamma ho perso l’aereo in tv, sicuro come la barba di Santa Claus arriva nelle sale il film Disney dell’anno. Tagliato il traguardo dei 54 titoli, i titanici e famelici produttori che sono arrivati ormai a fagocitare ogni brand di qualche rilievo nel settore dell’entertainment, approfittano della recente acquisizione della Marvel per proporre un adattamento, ancorché molto libero, da un omonimo comic poco conosciuto.

Avvia la prova gratuita su MUBI

Big Hero 6 racconta la genesi di uno scalcagnato sestetto di supereroi, ma soprattutto la relazione, molto disneyana, tra il genietto Hiro, tredicenne orfano che si trova a perdere anche l’adorato fratello maggiore Tadashi, e il puccettoso robot Baymax (una sorta di mostro nel fumetto), operatore sanitario virtuale, tenerissimo e protettivo.

Le premesse per realizzare un prodotto di alta qualità c’erano tutte: purtroppo, il forzato pastiche tra la spinta action e il desiderio di dare spazio ai sentimenti, come vuole la tradizione di casa Disney, non funziona, facendo rimpiangere i ben più brillanti e profondi risultati raggiunti da una piccola gemma Pixar come Gli Incredibili.

Eccessi di miele e una trama inutilmente complessa e sfilacciata, piena di cliché della sci-fi (l’affarista senza scrupoli, il professore impazzito, il piccolo genio), con poche intuizioni felici e una verve che va ammosciandosi con il passare dei minuti. Non aiuta una compagine di personaggi macchiettistici ma poco incisivi, a partire dall’insipido protagonista, e contribuisce ulteriormente a confondere le acque un’ambientazione insensatamente postmoderna. La città dei supereroi è San Frantokyo, un’incomprensibile crasi: di fatto una perfetta riproduzione di San Francisco punteggiata da elementi nipponici come la monorotaia.

Unico vero elemento di interesse è nell’originale figura di Baymax, robottone ciccioso e di buon cuore, dagli ammiccamenti queer neanche tanto sfumati: figura paterna, fraterna e amicale per Hiro, è anche il protagonista di una delle pochissime sequenze veramente divertenti dell’intero film, quando, a causa della batteria scarica, rientra in uno stato identico all’ubriachezza molesta.

[LEGGI ANCHE: Trailer: L'universo Disney e Marvel si fondono in Big Hero 6]

Per il resto, tante scene d’azione senza fascino e una colonna sonora resa agghiacciante dalla scelta italiana di far cantare al “rapper” Moreno (vincitore di Amici 2013) una canzone scritta da Don Joe dei Club Dogo: un momento scult sui titoli di coda che indebolisce ulteriormente un prodotto fiacco, destinato a essere dimenticato in breve tempo. 

Trailer di Big Hero 6

Voto della redazione: 

2

Facebook Comments Box